Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Liocorno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Liocorno

Messaggio Da matrona il Gio Ott 01, 2009 9:26 pm


La prima descrizione nota del Liocorno risale al 400 a.C. circa e ci è fornita dallo storico greco Ctesia, questi riporta i racconti di viaggiatori che avevano esplorato l'India e che sostenevano di avere visto un asino selvatico grande quanto un cavallo, con il manto bianco, gli occhi blu e la testa rossa munita di un corno nero lungo circa 50cm: uno strano animale che Ctesia battezzò Monokeros e che sembrava essere frutto dell'incrocio tra un onagro (asino selvatico) e il rinoceronte indiano.

Menzionato da numerosi autori romani, col nome di Unicornis, il Liocorno è citato anche nella Bibbia, col nome ebraico Re'em, tale circostanza rende l'esistenza del Liocorno obbligatoriamente reale, questo spiega la presenza dell'essere nel manuali di zoologia fino al XVIII secolo.

Intorno alla sua figura si sviluppano, nel tempo molte credenze: per l'immaginario cristiano, il Liocorno rappresenta, più di ogni altra creatura, la saggezza e la purezza in contrapposizione alla corruttibilità umana.

Il mito vuole che incontrare un Liocorno porta molta fortuna, ma pare che solo una vergine possa avvicinarsi all'animale: attirato dalla sua purezza, il Liocorno le si accosterà pienamente fiducioso e poserà il capo sul suo grembo, e solo così sarà possibile addomesticarlo, solo se la fanciulla gli metterà le briglie al collo.

In Europa, nel Medioevo, i Principi e i Signori reputavano che il lungo corno a torciglione del Liocorno fosse uno dei doni più preziosi e inestimabili che si potessero ricevere o donare.
Tale corno,però, non veniva prevelato dalla mitica creatura, ma dal "Liocorno del mare", il Narvalo (Monodon monoceros).

Questo cetaceo, che vive nel Mar Glaciale Artico, è lungo in media 4\5 metri ed è provvisto di un corno che può misurare fino a 3 metri e che, in realtà, è un dente assai sviluppato con funzioni sensoriali
il corno a torciglione


anche la natura crea liocorni: http://blog-pigreco.blogspot.com/2009/01/l-unicorno-esiste-davvero.html
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum