Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Il Macrocosmo e il Microcosmo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il Macrocosmo e il Microcosmo

Messaggio Da matrona il Sab Ott 03, 2009 1:06 pm

La teoria del Macrocosmo e del Microcosmo ebbe nel Medio Evo e nel Rinascimento una grandissima fortuna.
Al Macrocosmo fu associata l’immagine dell’Universo, del Mondo, del locus in cui risiedeva Dio, la Luce Creatrice propagante in ogni direzione e capace di dissolvere le tenebre e di fornire il principio attivo generatore di tutte le cose.
L’Uomo, creato da Dio e nel quale la Divinità si rifletteva, fu, invece, il Microcosmo e l’Universo di cui costituiva una replica in piccolo.
Macrocosmo e Microcosmo erano dunque costituiti da una sola materia formata da due principi contrapposti: la Luce Infinita e le Tenebre Oscure.
Nel dualismo gli alchimisti credettero di individuare il mistero della Pietra Filosofale, della Quintessenza, del Medicamento Universale in grado di guarire ogni tipo di malattia. Nell’illustrazione simbolica e negli scritti alchemici, i principi opposti, Luce e Tenebre, acquisirono il significato dello Zolfo e del Mercurio, del Giorno e della Notte, del Sole e della Luna, del Maschile e del Femminile, del Re e della Regina.
Il simbolismo ebbe la funzione di Lutum Sapientiae che «sigillando» il vero significato delle cose, permetteva il rispetto del segreto dogmatico dell’Arte Sacra che imponeva l’assoluto silenzio e il divieto alla volgare divulgazione della sapienza eterna.
Operazioni, consigli e teorie per la fabbricazione del Lapis Philosophorum furono così memorizzate in immagini emblematiche.
L’incisione, oggetto della nostra interpretazione, è inserita nel terzo trattato dedicato alla Basilica Philosophica dell’ Opus Medico-Chymicum di Johann Daniel Mylius.
L’opera fu eseguita dall’incisore Mattheus Merian, al quale l’autore affidò il compito di sintetizzare dogmi e segreti dell’Alchimia in «immagini».
Nel volume esistono altre importanti illustrazioni alchemiche come l’Undicesima Chiave di Basilio Valentino e la geometrica rappresentazione del Mundus Archetipus di Thomas Norton.
Le immagini sono state utilizzate dall’editore Lucas Jennis per la marca tipografica e per la raffigurazione schematica della visione ermetica del Mondo. L’editore impiegò l’opera di Mattheus Merian anche per illustrare l’appendice del Museum Hermeticum pubblicato nel 1625 a Francoforte.


La Composizione
L’opera rappresenta in forma sintetica, ma nel medesimo tempo completa, l’Universo ermetico. Essa appare divisa in due parti secondo un asse orizzontale che separa il divino dal terreno, il cielo illuminato dall’abisso oscuro.
Un grande emisfero raggiante, simbolo dell’Universo macrocosmico, è lo scenario della parte superiore.
In questo fondale di luce e di energia primitiva, una moltitudine di Angeli avvolgono il Nome Sacro ed impronunziabile di Dio scritto con i quattro caratteri ebraici,בװםװ , JHVH (Jehovah). Accanto l’Agnello Mistico del Figlio e la Colomba dello Spirito Santo.
Nella zona sottostante una sfera più piccola, cinta da nuvole, contiene i simboli alchemici del Corvo, del Cigno, del Drago o Basilisco, del Pellicano e della Fenice.
La raffigurazione delle fasi dell’Alchimia è racchiusa a sua volta tra un anello di sette stelle e un cerchio che congiunge la sfera superiore a quella inferiore.
Il tutto circonda una struttura di sette anelli concentrici che accoglie, partendo dall’esterno, il regno dello Zodiaco e dei Pianeti - Metalli, quello del Vento, del Sole e delle Stelle, quello del Mercurio, dello Zolfo e del Sale, quello del Fuoco.
La parte centrale della struttura è costituita dall’insieme dei simboli della conoscenza alchemica ovvero i triangoli dell’Acqua, del Fuoco e la Stella a sei punte o Scudo magico di Salomone simbolo della Pietra Filosofale.
Il triangolo inscritto nel cerchio è l’immagine trinitaria del fondamento alchemico, il Mercurio Filosofico, il cui geroglifico è posto al centro.
La parte inferiore dell’incisione è divisa, a sua volta, da una linea immaginaria in due parti; una diurna a sinistra e una notturna a destra.
Nel mezzo del paesaggio una piccola collina alberata, di forma rotondeggiante, simboleggia la terra.
Ogni albero porta il segno di un metallo e in quello posto alla sommità è riprodotto quello dell’Oro.
Gli alberi sono querce, che nel linguaggio dei filosofi ermetici significavano forza e perpetua resistenza.
Al limite inferiore della «foresta» un vecchio brandisce due asce, una nella mano destra e l’altra in quella di sinistra e la sua tunica, tutta ricamata di stelle, è per metà in luce e per l’altra metà nell’oscurità.
La figura incarna l’Alchimista e l’Unità indissolubile della Pietra d’Oro ed è sorretta da due Leoni i cui corpi si fondono in una sola testa da cui esce un fluido, trasposizione della materia prima.



A destra della collina, immersa nelle tenebre della notte, un’aquila con le ali spiegate sostiene una donna nuda e un uomo dalla testa di cervo e nel contempo protegge la sfera della terra e dell’acqua.
L’ermetismo vuole che questa sia la parte consacrata al principio femminile cioè alla Luna-Argento innalzata dalle due figure.
La donna nuda è Diana e l’uomo è il mitologico Atteone, allegoria del monito per gli uomini a non avvicinarsi troppo al mondo degli Dei senza la necessaria riverenza.
La Donna tiene nella mano destra un grappolo d’uva rossa, valorizzazione sessuale e materna del latte della fertilità che esce, diretto verso la terra, dal suo seno sotto forma di uno sciame di stelle.
Atteone regge, invece, nella mano sinistra, un trifoglio, emblema dei tre principi Zolfo, Mercurio e Sale. Una catena lega il polso della donna alla sfera delle nuvole confermando l’unione con l'emisfero superiore.



Nella parte diurna sono posti i simboli maschili del Leone rampante, dell’Uomo, del Sole e della Fenice.
Come l’Aquila, l’uccello che rinasce dalle proprie ceneri, ripara con le ali la sfera del fuoco e dell’aria e sostiene l’Uomo e il Leone uniti nel Sole.
L’Uomo è anch’egli incatenato alla sfera celeste.
La linea, che divide il paesaggio inferiore, parte dall’unica testa dei Leoni e, attraversando il corpo dell’alchimista, raggiunge l’albero dell’Oro, il Dragone, il Sigillo di Salomone, il simbolo del Mercurio filosofico posto all’incrocio dei due assi, quello orizzontale e quello verticale dove avviene l’unione suprema.
La linea prosegue in forma completamente immaginaria fino al Tetragramma divino. L’espressione artistica risulta così essere, una rappresentazione della «summa philosophica» dove le raffigurazioni sono «imagines agens» armoniche con l’antico linguaggio della Dottrina dei Saggi e la visione macro-microcosmica dell’Universo.
Adottando il motto alchemico «Prega, leggi, leggi, leggi, rileggi lavora e troverai» l’incisione rivela la sua peculiare funzione di luogo mnemonico in cui tutti i misteri della sapienza eterna sono stati riposti.
L’uso esplicito o implicito delle forme geometriche ne sono un esempio.
Il richiamo all’Opus alchemicum sono così il cerchio chiuso dal diametro, il triangolo ottenibile unendo i polsi dell’uomo e della donna al Tetragramma, il triangolo formato dalla veste e dal corpo dell’Alchimista, il triangolo formato dall’unione del Sole e della Luna con il simbolo del Mercurio.
Mediando i significati dei geroglifici dell’antico Egitto, le forme geometriche riflettono il corso del Sole nel cielo, l’origine e la fine, la nascita e la morte, il principio femminile e quello maschile, la composizione ternaria della materia e la natura trinitaria della Divinità.
Il medesimo nucleo centrale, secondo una comune interpretazione, rappresenta la totalità del «mondo» contenuta nell’esistenza divina o Luce inavvicinabile.
In tutta l’incisione il messaggio è indirizzato all’interazione equilibrata tra il Mondo Archetipo, il Macrocosmo, frutto dell’unione degli elementi acqua, fuoco e delle loro combinazioni, e il Microcosmo, rappresentato dall’Uomo creato ad immagine di Dio e dell’Universo.
Secondo la teoria della «signatura» il paesaggio di fondo è l’iconografia della Natura intera trascritta in un infinito Libro ermetico dove le creature sono le parole.


fonte:http://www.duepassinelmistero.com/macrocosmo_e_microcosmomacrocosm.htm
autore:di Marcello Fumagalli


Ultima modifica di matrona il Lun Nov 09, 2009 1:19 am, modificato 2 volte
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Macrocosmo e il Microcosmo

Messaggio Da Violet il Dom Nov 08, 2009 11:23 pm

Ricerca molto interessante... è farina del tuo sacco?
La leggerò con più attenzione nei prossimi giorni. Se vuoi vederla pubblicata, ho contatti con la rivista esoterica "Elixir", dove cercano nuovi contributi femminili.
avatar
Violet
Admin

Numero di messaggi : 36
Data d'iscrizione : 11.07.09

Vedere il profilo dell'utente http://zonaonirica.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Macrocosmo e il Microcosmo

Messaggio Da matrona il Lun Nov 09, 2009 12:01 am

no non è mia... questa lo trovata in internet... e adesso che ci guardo mi sono dimenticata di mettere la fonte O.o ops!
Gomen! Embarassed
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Macrocosmo e il Microcosmo

Messaggio Da Violet il Lun Nov 09, 2009 4:58 pm

Ah ecco! beh dai, ci siamo risparmiati la querela! lol!
avatar
Violet
Admin

Numero di messaggi : 36
Data d'iscrizione : 11.07.09

Vedere il profilo dell'utente http://zonaonirica.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Macrocosmo e il Microcosmo

Messaggio Da matrona il Lun Nov 09, 2009 8:56 pm

Laughing per fortuna che me lo hai fatto notare
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Macrocosmo e il Microcosmo

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum