Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Il Mapinguari

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il Mapinguari

Messaggio Da matrona il Gio Ott 15, 2009 9:20 pm


Nel cuore della foresta amazzonica si celerebbe un'insidia più terribile dei boa constrictor e dei ragni migali: il mapinguari.
La credenza popolare dipinge questa creatura come una belva alta quasi 2 metri, coperta da una pelle squamosa simile a quella dei caimani, con 4 zampe munite di artigli retrattili lunghi come coltelli, sull'addome si aprirebbe una seconda bocca dotata di denti acuminati, di cui il mostro si servirebbe per divorare gli uomini curiosi o avventati.
Secondo altre testimonianze, invece il mapinguari avrebbe un solo occhio e il suo corpo sarebbe ricoperto da un folto pellame rosso.
Le sue impronte sarebbero lunghe quasi 30cm, 3 volte più grandi del più grosso animale terrestre della foresta, inoltre hanno alcune assomiglianze alle orme della famiglia dei bradipi.
Altri poi raccontano che la belva lancerebbe orribili grida, attirando la sventura su chi le oda.
Tutte le versioni concordano su un punto, ovvero la pericolosità della belva nonostante la sua lentezza nello spostarsi.
Il mapinguari si muoverebbe senza fare il minimo rumore anche nelle zone più impenetrabili della giungla tropicale, che costituirebbe il suo habitat naturale.
Inoltre emanerebbe un odore talmente pestilenziale che chiunque lo avvicinasse perderebbe i sensi prima ancora di poterlo avvistare.
In ogni modo parrebbe non troppo difficile sfuggire agli attacchi di questa creatura, infatti si cederebbe che il mapinguari odierebbe l'acqua e quindi basterebbe rimanere nei pressi dei fiumi per essere sicuri di evitarlo.
Un'altro particolare starebbe nel fatto che il mapinguari si muoverebbe solo di notte e quindi sarebbe impossibile notarlo prima del tramonto.
A dar credito alle leggende brasiliane, infine il mapinguari attaccherebbe solo gli uomini che danneggiano la foresta o i cacciatori troppo avidi.
In parole povere, sarebbe il custode della foresta.
Nelle foresta ogni tribù, anche quelle più isolate, avrebbe un termine proprio per designare l'animale.
La maggior parte avrebbe un significato come “la bestia che ruggisco” o “la bestia che puzza”.
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum