Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Rostam e il drago

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Rostam e il drago

Messaggio Da matrona il Gio Apr 01, 2010 9:17 pm


La mitologia iraniana narra che tanto tempo fa viveva in Persia un eroe di nome Rostam, figlio di Zal, comandante dell'armata reale, e della moglie Rudaba.
Famoso per le sue imprese, Rostam - così possente da essere definito "l'invincibile" - era sempre accompagnato dal fedelissimo Rakhsh, destriero dotato di grande intelligenza.
Mentre era in viaggio per salvare il re Kavus, tenuto prigioniero dai demoni, Rostam si accampò per qualche giorno nel deserto con il suo cavallo.
Poco prima di coricarsi, Rostam raccomandò l suo cavallo di avvertirlo in caso di pericolo.
Durante la note si avvicinò all'accampamento un drago mostruoso; la creatura che si librava nell'aria dimenando furiosamente le ali e la coda, aveva occhi ardenti come torce e fauci sputa-fuoco irte di denti aguzzi.
Non appena Rakhsh si accorse della belva, cominciò a pestare gli zoccoli e a nitrire per avvertire il suo padrone; tuttavia, mentre Rostam si destava, il drago si era già dato alla fuga.
Non vedendo alcun pericolo, l'eroe rimbrottò il cavallo per averlo svegliato.
La sera successiva si ripeté la medesima scena:furioso, Rostam minacciò il proprio destriero di punirlo severamente, qualora avesse osato turbare di nuovo il suo riposo.
La terza notte il drago si ripresentò presso l'accampamento di Rostam.
Benché il mostro si avvicinasse con aria minacciosa all'eroe, il cavallo non osò fare alcun rumore, temendo di suscitare nuovamente la collera del padrone.
Tuttavia, nel momento in cui il drago spalancò le fauci per dilaniare Rostam, Rakhsh non poté fare a meno di nitrire con tutte le sue forze.
Svegliato dal frastuono, Rostam - già pronto a punire il compagno - si accorse del drago, che questa volta non aveva avuto il tempo di scappare.
Afferrata la scimitarra, l'eroe si avventò sul mostro, tagliandoli la testa con un sol colpo.
Ucciso il drago, Rostam ringrazio il suo fedele Rakhsh, che gli aveva salvato la vita.
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 31
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum