Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Aracne

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Aracne

Messaggio Da matrona il Gio Apr 01, 2010 10:28 pm


Narra il mito greco che in Lidia (Asia Minore) viveva una bellissima fanciulla chiamata Aracne.
Figlia di un modesto tintore, Idmone di Colofone, la giovane era talmente abile nell'arte della tessitura che la sua fama raggiunse l'Olimpo.
Minerva (Atena), anch'ella maestra con ago e filo, volle vedere di persona Aracne in azione: la dea assunse allora l'aspetto di una vecchia e si recò presso la casa della donzella, per verificare l'eccezione bravura.

Minerva poté constatare che la fanciulla era in effetti molto brava, ma anche assai vanitosa: Aracne sosteneva di essere migliore persino della stessa dea.

Quest'ultima - sempre celata dietro le fattezze di donna anziana - le consigliò di mostrare maggiore umiltà, ma la giovine ribatté che era pronta a gareggiare con Minerva, se costei avesse avuto il coraggio di presentarsi.

Fu così che la dea, furibonda, le rivelò la propria identità e raccolse la sfida della giovane: ognuna avrebbe realizzato un'arazzo a sua scelta e così si sarebbe sancito che era davvero la migliore fra le due.

Alla fine della gara Minerva raffigurò sul proprio arazzo gli dei dell'Olimpo in tutta la loro maestà, Aracne invece scelse come soggetto Giove in compagnia delle sue innumerevoli conquiste.
Il lavoro della dea era superbo, ma quello di Aracne lo superava per finezza dei dettagli e complessità del disegno.
Minerva tuttavia non volle ammettere che una mortale l'avesse superata: prese il capolavoro e lo distrusse, la fanciulla, umiliata e in preda alla disperazione, si impiccò.

Tuttavia la dea le impedì di morire e le infisse una punizione tremenda: trasformò la giovine in un enorme ragno, che avrebbe tessuto la sua tela per l'eternità.
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 31
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Aracne

Messaggio Da Teresa il Gio Apr 01, 2010 10:56 pm

Fantastico articolo. Mi stupisci sempre tu!
avatar
Teresa

Numero di messaggi : 76
Data d'iscrizione : 10.02.10
Età : 36
Località : Foggia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum