Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Kraken

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Kraken

Messaggio Da matrona il Dom Apr 25, 2010 2:27 pm


Da secoli, i marinai che navigano nelle acque scandinave e islandesi tramandan una leggenda inquietante. Nelle profondità dei mari del Nord abiterebbe un mostro pericolosissimo, con l'aspetto di un calamaro gigante: il Kraken.
Questa creatura gigantesca farebbe affondare le imbarcazioni sia risalendo fin sotto le loro chiglie per rovesciarle, sia stringendole fra i tentacoli per trascinarle sott'acqua.
Il particolare più raccapricciante consisterebbe poi nel fatto che, talvolta,la bestia avvinghierebbe gli stessi marinai e li divorerebbe.

Si ipotizza che lo spaventoso Kraken compaia per la prima volta in alcune leggende nella mitologia nordica risalenti alla metà del XIII secolo.
Tali racconti parlano di una creatura straordinaria, chiamata Hafgufa, talmente grande da poter essere scambiata per un'isola: una caratteristica che farebbe pensare proprio al Kraken.
Nelle narrazioni più antiche, tuttavia, l'animale non viene descritto come un cefalopode, ma come un pesce gigante, un cetaceo o un enorme granchio, dotato di molte "corna" o "braccia", grosse come alberi di navi, di cui sarebbe servito per afferare le prede.

Cinque secoli più tardi il Kraken è oggetto di uno studio approfondito nella Storia naturale della Norvegia, opera dotta compilata nel 1752-53 da rik Ludvigsen Pontoppidan, vescovo di Bergen.
Il prelato scandinavo paragona la creatura a una specie di stella marina gigante o a un'enorme testa di medusa, dalla lunghezza smisurata.
Nel 1869 Jules Verne (1828 1905) fece apparire il mostro in uno dei suoi romanzi più famosi "ventimila leghe sotto i mari"
Durante le sue peripezie negli abissi, il Nautilus viene assalito da una piovra gigante mentre stà risalendo in superficie.
A partire dalla metà del XIX secolo, infine viene ritrovato alcuni esemplari senza vita di calamari giganti.
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum