Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Cerbero

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cerbero

Messaggio Da matrona il Dom Giu 20, 2010 1:16 am


Orribile figlio del gigante Tifone e della donna-serpente Echidna, Cerbero aveva l'aspetto di un cane colossale munito di 3 teste; la coda era un serpente e anche il dorso era brulicante di serpi più piccole.
Dalle zanne nere e affilatissime sarebbe colata una bava tossica come il veleno di una vipera.
Il latrato di Cerbero rimbombava per tutti gli Inferi, assordando e terrificando coloro che avevano la sventura di udirlo
Il terribile animale era incatenato presso lo Stige, il fiume infernale che segnava l'inizio del regno dell'oltretomba, e lasciava entrare solamente i defunti: se un mortale avesse tentato di passare, il mostro lo avrebbe ridotto a brandelli.
Cerbero, inoltre, impediva ai morti di tentare la fuga dalla loro estrema dimora.

Secondo le leggende alcuni mortali, tuttavia, riuscirono a eludere la sorveglianza di Cerbero.
La bellissima Psiche, per esempio, incaricata da Afrodite di recarsi presso Persefone (o Proserpina per i Romani), riusci ad ammansire il mostro offrendogli un dolce al miele.
Nell'Eneide di Virgilio invece si narra che Enea, accompagnato dalla Sibilla Cumana, poté oltrepassare la soglia poiché la profetessa ammanni a Cerbero una focaccia soporifera.
Orfeo, poi, riusci a incantare il guardiano col suono della sua lira e, in tal modo, poté raggiungere l'amata Euridice nel regno dei morti.
Cerbero infine patì una sconfitta da parte di Ercole che riusci nella sua fatica, a catturare il mostro e portarlo al cospetto del re Euristeo.

Oltre a Cerbero,l'ingresso al mondo dei morti era custodito da un irascibile vegliardo.
Caronte, il cui compito era quello di traghettare i defunti attraverso il fiume Acheronte(Stige).
A tal proposito, i defunti della antica Grecia venivano sepolti con una moneta in bocca, perchè Caronte pretendeva il pedaggio per oltrepassare.
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 31
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum