Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Il regno del Prete Gianni

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il regno del Prete Gianni

Messaggio Da matrona il Mer Ott 06, 2010 10:36 pm


In numerosi scritti medioevali si parla di un misterioso regno cristiano che si sarebbe trovato in una lontana regione dell’Oriente, al di là dei territori dominati dall’Islam.
In realtà, questi testi non possono essere presi alla leggera alla stregua di semplici racconti mitici dal carattere nebulosamente fantastico, dal momento che molto spesso essi non fanno altro che riportare, sia pure con un linguaggio dal sapore mitico, le cronache di antichi viaggiatori, che hanno attraversato le terre d’Oriente fino agli estremi “confini del mondo”, il che fa pensare che la tesi secondo cui il Regno del Prete Gianni sia esistito realmente abbia un fondamento storico reale.
Il fatto poi che Giovanni da Hildesheim nella sua Historia trium Regum, attingendo a fonti apocrife di probabile origine manichea, affermi che i tre Magi “assegnarono in perpetuo, il Patriarca Tommaso e il Prete Gianni a tutti i re, principi, vescovi, preti e popoli, come loro signori e reggitori nello spirituale e nel temporale” ci spinge a trarre le seguenti conclusioni:
1. se la tradizione riportata da queste fonti vede nei Magi, cioè nei sacerdoti della religione di Zarathustra, coloro che hanno messo a capo delle regioni d’Oriente la figura del Prete Gianni, allora non si può negare l’origine manichea della figura del Prete Gianni;
2. Il Prete Gianni, come del resto il Patriarca Tommaso, non è stato una persona ben precisa, ma piuttosto una figura istituzionale della Chiesa Manichea, che aveva il compito di curare le relazioni politico-diplomatiche con le istituzioni statuali delle nazioni in cui la Chiesa della Luce agiva.
Un altro indizio decisivo per capire chi fosse e che cosa rappresentasse nel medioevo la figura del Prete Gianni proviene da quelle fonti medioevali, che affermano che “le armate dei mongoli furono scambiate dagli occidentali per le milizie del Prete Gianni, inviate contro gli europei per punirli dei loro peccati” (Massimo Centini).
Ormai possiamo tranquillamente dire di disporre elementi a sufficienza per svelare il mistero del favoloso regno orientale guidato dal Prete Gianni. Sappiamo, infatti, che:
1. la figura del Prete Gianni era una figura tipica della religiosità manichea;
2. il regno del Prete Gianni si trovava in un luogo abitato anche da popolazioni di origine mongola.
A questo punto ci viene alla mente un grande regno manicheo medioevale, che si è sviluppato proprio nelle regioni occidentali della Mongolia Interna: si tratta del Regno dell’Orkhon, un regno uiguro fondato nel 762 d. C. e divenuto manicheo, in seguito alla conversione del re (qaghan), nel 763 d. C.. E’ probabile che il re uiguro, subito dopo la conversione, abbia assunto la guida politica del movimento manicheo e, quindi, anche la carica manichea di “Prete Gianni”.
Intorno alla metà del IX secolo d. C., il grande regno uiguro è stato distrutto e al suo posto sono sorti numerosi principati uiguri in cui il manicheismo ha continuato ancora per molto tempo ad essere la religione ufficiale. E’ probabile che uno di questi principi si sia attribuito il ruolo di guida spirituale e politica dei manichei, abbia assunto la carica di “Prete Gianni” e la abbia trasmessa ai suoi eredi.
Uno di questi principi, che aveva assunto la carica manichea di “Prete Gianni”, intorno al 1165 d. C., spinto dalle difficoltà politico-militari in cui versava il proprio principato, ha scritto a Manuele Comneno, Imperatore Romano d’Oriente, a Federico Barbarossa e a papa Alessandro III, probabilmente in cerca di aiuti soprattutto di carattere militare.
E’ probabile, quindi, che testi finora considerati falsi come la lettera attribuita al Prete Gianni siano in realtà autentici.
Nel 1177 d. C. il papa e Federico Barbarossa hanno risposto alla lettera del Prete Gianni, ma “della spedizione incaricata dell’ambasciata, non si seppe più nulla e svanì per sempre nel deserto dell’Iraq”.
Il principato uiguro del Prete Gianni, come ci narra Marco Polo nel Milione, è stato distrutto all’inizio del XIII secolo d. C. dall’armata di Gengis Khan, dopo il rifiuto del Prete Gianni di dargli la figlia in moglie, e con esso è scomparso l’ultimo importante avamposto del manicheismo orientale:


Prima di scontrarsi con il nemico, Gengis Khan riunì “i suoi astronomi cristiani e saracini, e comandò che gli dicessero chi dovea vincere. Gli cristiani feciono venire una canna, e fessorla per mezzo, e dilungarono l’una dall’altra, e l’una missono dalla parte di Cinghys e l’altra dalla parte del Presto Giovanni. E missono il nome del Presto Giovanni sulla canna dal suo lato e il nome del Cinghys in sull’altra, e dissoro: Qual canna andrà in sull’altra, quegli sarà vincente, Cinghys Cane disse che questo egli voleva ben vedere, e disse che gliel mostrassero il più tosto che potessero. Quegli cristiani ebbero lo saltèro e lessoro certi versi e salmi e loro incantamenti: allora la canna ove era il nome di Cinghys montò sull’altra: e questo vidde ogni uomo che v’era. Quando Cinghys vidde questo, egli ebbe grande allegrezza, perché vidde gli cristiani veritieri. Gli saracini astrolagi di queste cose non seppero dire nulla […] Cinghys Cane vinse la Battaglia e fuvvi morto lo Presto Giovanni, e da quel dì innanzi perdeo sua terra tutta”.


L’ipotesi secondo cui il “Presto Giovanni” di cui parla Marco Polo sarebbe stato un principe uiguro che aveva assunto la carica manichea di Prete Gianni trova un riscontro preciso nella “Storia del conquistatore del mondo” di Djowéïnì ou Gouwaïnì, un autore islamico che nel 1257 si è recato alla corte dei re Mongoli. In questo scritto egli riferisce che proprio Gengis Khan ha sottomesso gli ultimi principati uiguri e riporta dei passi tratti da scritti religiosi di chiara impronta manichea in uso presso gli Uiguri sconfitti da Gengis Khan e passati sotto il dominio mongolo.

http://digilander.libero.it/maximusmagnus/Gnosi/pretegianni.htm




Prete Gianni (Stefano Venco): Il Prete Gianni è un personaggio leggendario molto popolare in epoca medievale, tanto che, secondo i poemi del ciclo bretone, il Santo Graal sarebbe stato trasportato proprio nel suo regno. Ludovico Ariosto ne fa uno dei personaggi del suo Orlando furioso, quel re d'Etiopia, di nome Senapo, che Astolfo libera da una maledizione divina che lo costringeva a soffrire la fame per l'eternità.
La prima notizia su Prete Gianni giunse in Occidente nel 1165, quando l'imperatore bizantino Manuele I Comneno ricevette una strana lettera, da lui girata al papa Alessandro III e a Federico Barbarossa; il mittente della missiva si qualificava come «Giovanni, Presbitero, grazie all'Onnipotenza di Dio, Re dei Re e Sovrano dei sovrani».

La lettera, con linguaggio ampolloso, descriveva il regno di questo prete e re dell'estremo oriente, titolare di domini immensi che, definendosi «signore delle tre Indie», diceva di vivere in un immenso palazzo fatto di gemme, cementate con l'oro, e aveva non meno di diecimila invitati alla propria mensa. Sette re, sessantadue duchi e trecentosessantacinque conti gli facevano da camerieri. Tra i suoi sudditi non annoverava solo uomini, ma anche folletti, nani, giganti, ciclopi, centauri, minotauri, esseri cinocefali, blemmi (creature acefale con il viso sul petto), esseri con un unico e gigantesco piede, che si muovevano strisciando sulla schiena, facendosi ombra del loro stesso piede (abitudine, quest'ultima, da cui deriva il nome di sciapodi), etc. I suoi domini racchiudevano tutto il campionario di esseri favolosi di cui hanno parlato le letterature e le leggende medioevali.

I due imperatori non diedero peso più di tanto a quel fantasioso testo. Il papa, per puro scrupolo (se davvero in Oriente c'era un re cristiano, per giunta prete, rispondere era un dovere), mandò una lettera composta esattamente da mille parole, in cui lo informava che, una volta giunte notizie più precise, avrebbe inviato presso di lui il vescovo Filippo da Venezia, nella duplice veste di ambasciatore e missionario, per istruire il Prete Gianni nella dottrina cristiana. È da notare che il mitico personaggio si era definito seguace del Nestorianesimo, condannato come eresia dal concilio di Efeso, secondo la quale le due nature di Gesù erano rigidamente separate, e unite solo in modo morale, ma non sostanziale. La corrispondenza si concluse così.

Ne il Milione di Marco Polo, il Prete Gianni è descritto come un grande imperatore, signore di un immenso dominio esteso dalle giungle indiane ai ghiacci dell'estremo nord.
I Tartari erano suoi sudditi, gli pagavano tasse ed erano l'avanguardia delle sue truppe.
Questo fino al giorno in cui non elessero Gengis Khan loro sovrano.
Quest'ultimo, come riconoscimento della propria indipendenza, chiese in moglie una figlia del Prete Gianni. Avutone un rifiuto, gli mosse guerra. Una serie di eventi sensazionali accompagnarono la campagna militare che si chiuse con la vittoria tartara.

Dato che l'India, nel tardo medioevo, si presentava agli occhi occidentali come un paese dai contorni confusi , gli Europei, che avevano inutilmente cercato il Prete Gianni in Asia, si rivolsero all'Etiopia, una delle tre Indie nella terminologia dell'epoca.
Marco Polo aveva trattato dell'Etiopia come una magnifica terra cristiana, e i rapporti tra Etiopia ed Arabia erano reali..
Nel 1306 trenta ambasciatori dell'imperatore Wedem Arad giunsero in Europa, e riportarono che il loro patriarca si chiamava Yohannis, comune nome copto.
Circa nel 1329, il missionario domenicano Jordanus, nel suo Mirabilia Descripta, tratta della "terza India" come landa del Prete Gianni, nome che - egli dice - gli occidentali han dato Re di quella regione.
http://www.lamescaligere.it/pages/Mondo%20fuor%20di%20Verona.php
http://it.wikipedia.org/wiki/Prete_Gianni
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 31
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum