Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

L'Arte del Bonsai

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'Arte del Bonsai

Messaggio Da matrona il Lun Lug 20, 2009 11:03 pm

Etimologia della parola bonsai


La parola bonsai deriva dalle parole giapponesi "bon" e "sai" la prima indica un contenitore o vassoio, la seconda invece significa coltivare o educare complessivamente il termine indica degli alberi coltivati con cure particolari all'interno di piccoli vasi.
I bonsai è quindi l'arte di coltivare degli alberi in miniatura e indirizzarli come si desidera attraverso tecniche differenti.



Cenni storici sui bonsai


L'arte del bonsai probabilmente nasce in Cina alla fine del VI secolo mentre le prime fonti sulla diffusione di quest' arte in Giappone risalgono al XIII secolo.
La parola cinese per indicare i bonsai è "pun-sai" e risale all'epoca Tsin tra il 265 e il 420 d.C. essa si può tradurre infatti col termine "pianta in vaso", quest'arte però si diffonde solo più avanti tra il 618 e il 907 e proprio a quest'epoca risale un dipinto che raffigura due valletti uno dei quali trasporta un bonsai.
Alla dinastia successiva risale invece il termine "pun wan" che indica piante in vaso a cui sono aggiunte rocce e altri oggetti per ricreare paesaggi in miniatura, in seguito vennero chiamati "pun-ching" e la loro coltivazione diventò popolare e si differenziò in stili differenti.


Probabilmente i bonsai iniziarono a essere coltivati in Giappone nel periodo kamakura tra il 1185 e il 1333 come si evince dai rotoli makimono in cui si trovano le prime rappresentazioni bonsai a opera dei monaci buddisti che usavano i bonsai anche per trasmettere gli insegnamenti zen.
Tra la fine del periodo Kamakura e l'inizio del periodo Muromachi il bonsai si evolve e anzi che creare paesaggi in miniatura viene coltivata un'unica pianta in una cassetta di legno visto che allora in Giappone la produzione di ceramica era scarsa.
L'incremento della produzione di vasi nel periodo Edo favorisce anche la produzione di bonsai e si diffonde uno stile grottesco e bizzarro fra i ceti bassi mentre nella classe intellettuale si preferiscono stili semplici e raffinati.
In seguito i bonsai assunsero rilievo anche nella cerimonia del tè e venne aperto un vivaio specializzato in quest'arte con la restaurazione Meiji e la fine del feudalesimo l'arte del bonsai subì un momentaneo arresto che però ebbe termine nel Novecento quando vennero codificati i vari stili e si tennero le prime mostre.
In Occidente invece la prima esposizione di bonsai si ebbe nel 1878 ma solo dopo la seconda guerra mondiale a suscitato un qualche interesse mentre in Giappone rimane un'arte sempre vitale.



Fonte: http://www.bonsai-italia.it/ ; http://sulgiappone.altervista.org/
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum