Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Roma e la sua mitologia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Roma e la sua mitologia

Messaggio Da matrona il Lun Nov 08, 2010 10:39 pm

Anzitutto occorre distinguere il concetto di religiosità antica da quella più moderna e attuale. I Greci e i Romani non pensavano di doversi conquistare un paradiso nell'aldilà, le pratiche religiose servivano solo a evitare eventi spiacevoli nel quotidiano attraverso i riti. Gli Dei non chiedevano amore e timore, ma solo offerte e riti o sacrifici di animali. Le leggi da rispettare equivalevano grosso modo a quelle civili, per cui ci si rivolgeva agli Dei per questioni sociali o personali da risolvere. A quelle sociali provvedeva lo stato, per una guerra da vincere, un'invasione da evitare, un pericolo da sventare. Quelle personali erano un do ut des, ti do una cosa e tu me ne dai un'altra, per cui un rito per una protezione, e a volte si chiedeva una grazia promettendo qualcosa alla divinità. Ma il voto si scioglieva solo se la divinità aveva compiuto il prodigio.

Anche nell'antichità si verificavano prodigi e miracoli, anzi erano più frequenti di oggi. Se si chiedeva una guarigione si offriva poi l'exvoto, oppure se la divinità aveva assistito per una vittoria in guerra o per un affare andato bene, o per qualsiasi cosa richiesta, il devoto scioglieve il voto promesso.
Non c'era altro dovere nei confronti delle divinità se non rituali e sacrifici a scadenze determinate e non troppo impegnative. A Roma erano mal visti i bigotti, alle divinità si doveva tanto e non più. E gli Dei non chiedevano nulla di più. Lo stesso Orazio si fa beffe dell'esagerazione religiosa, che non fa parte del vero uomo pio.


La Grande Madre Mediterranea

Come in tutte le civiltà mediterranee il paleolitico e il neolitico furono dominate dal culto della Grande Madre Terra.
Ne fanno riscontro numerose Dee, a cominciare dalla Dea Dia, da cui prese il termine Dio, volto al maschile. Fu un'antichissima divinità romana protettrice della fecondità della terra, venerata in particolare dal collegio degli Arvalescol nome di Bona Dea. Le cerimonie si svolgevano nel tempio della Dea sito al quinto miglio della Via Campana. Come tutti i culti della Grande Madre avavano un aspetto misterico, segreto, riservato ai soli iniziati e uno pubblico.

Ovunque poi regnò la Mater Matuta, detta in alcune zone Mamma Mammosa, o Mammona, termine che dalla Chiesa Cristiana fu trasferito al demonio, interpretando le parole del Cristo: "Non puoi servire due padroni" tra Dio e il diavolo chiamato appunto Mammona, il termine popolare per indicare la Mater Matuta. Nel museo campano ve ne sono conservate numerosissime statue accimulate nei vari secoli.

Altra divinità primigenia fu Giunone, da Iuno Sospes Mater Regina, Giunone Salvatrice Madre Regina, divinità proveniente da Lanuvio. Il culto venne importato a Roma nel 338 a.C. quando venne concessa la cittadinanza ai Lanuvini. Il tempio a Giunone sospita nel Forum Olitorium venne costruito nel 194 a.C.

Il Grande Padre Mediterraneo

Con l'avvento del patriarcato subentrò una triade tutta maschile: Giove, Marte e Quirino. A Iupiter Feretrius, protettore dei giuramenti, fu intitolato il santuario più antico della città, secondo Tito Livio fatto erigere da Romolo sul colle Capitolino. Sul Capidoglio Giulio Cesare fece poi erigere lo stupendo tempio di Giove Capitolino Ottimo Maximo, i cui resti fanno intuire la grandiosità dell'edificio.
Altre divinità maschili arcaiche furono: Liber, Fauno, Giano, Saturno, Silvano, Robigus, Consus, Nettuno, Fons, e Vulcano.

* Libero, Dio assimilato a Dioniso, cui si dedicava la festa Liberalia per l'assunzione della toga virile. Un tempo associato a Libera, Dea della natura.
* Fauno, un po' come l'ellenico Pan, Dio della natura, con corna e zoccoletti di capra, soppiantato in seguito con satiri e ninfe, e suonava lo zufolo nelle campagne. Non disdegnava mettere paura a contadini e pastori, ma senza cattiveria. Dalla chiesa cattolica l'immagine fu trasposta al demonio.
* Giano era il Dio bifronte e pure quadrifronte. Se ne conserva a Roma un Arco famoso dedicato a Giano quadrifronte. Dio del primo e dell'ultimo dell'anno, dell'inizio e della fine, dei punti cardinali e quindi dell'ordine in generale. In realtà rubò gli attributi della Dea Madre Cardea, di cui era lo sposo.
* Saturno, padre di Giove, aveva il vezzo di dovorarsi i figli, ma Rea sua moglie lo ingannò dandogli in pasto delle pietre coperte di fasce. Era Dio del tempo e della morte, raffigurato come un vecchio dai capelli lunghi munito di falce. Trasposto dalla Chiesa cattolica su S. Rocco che in antiche icone è nudo con capelli bianchi che ricoprono interamente il suo corpo.
* Silvano era barbuto e munito di un grande bastone di cipresso, Dio dei boschi e delle foreste. Aveva anch'egli la moglie Silvana, la Dea delle selve.
* Robigus dio della ruggine del grano, una malattia del frumento provocata da un fungo. Lo si propiziava affinchè il grano non maturasse troppo presto favorendo la malattia. Sua moglie era Robiga cui erano dedicati i Robigalia, festa per la protezione del grano.
* Consus, protettore dei granai e dei silos, aveva un altare coperto di terra o sotterrato, e gli erano sacri cavalli e muli, proteggeva anche le corse dei cavalli. Spesso era rappresentato con un chicco di grano.
* Fons, Dio dei pozzi e delle sorgenti.


Le divinità femminili non scomparvero perchè la popolazione era ancora abituata a rivolgersi a divinità femminili di protezione e clemenza, ma diventarono divinità di secondo piano.
Così Giunone, da madre di Giove (ce n'è testimonianza in uno specchio etrusco dove allatta Giove bambino) diventa sua moglie a lui asservita.
Anticamente era Dea di ogni inizio, madre di Giano, Dio della vegetazione che ogni anno sorgeva e moriva, per cui rappresentava anche il primo e l'ultimo dell'anno ed era "bifronte" per questo. All'inizio dell'anno infatti Giunone velata veniva festeggiata accanto a Giano suo figlio. Non a caso il nome di Giunone era Iuno, da Ianua (la porta).



Altre Dee persisterono come:

* Bellona, antica Dea della guerra per cui si apriva il tempio a lei dedicato in tempo di guerra, e un suo sacerdote scagliava la lancia che si conficcava in terra davanti al tempio che veniva poi chiuso a pace avvenuta. Usanza che fu poi trasferita a Marte. Da lei il termine bellum, la guerra e anche il termine italiano bello, perchè la Dea era bellissima.
* Cerere fu in parte assimilata a Demetra, e come lei aveva una figlia di nome Proserpina che andò sposa al Dio Ade-Plutone. Era una Dea dei sacri misteri e il suo culto era preromano, seguito da Umbri e Olsci.
* Il culto di Tellus, la Grande Madre della natura, fu in seguito associato a Cerere, in altre località adorata come la Mater Matuta, una madre in trono con uno o più pargoli, trasferita dalla chiesa sulla Madonna.
* Flora, antica Dea italica della primavera e dei fiori, trasferita dalla chiesa su Santa Flora.
* Anche Vesta era l'antica Dea Madre portatrice del fuoco, che nel mito ellenico lascia il suo seggio olimpico a Hermes, anche questo per l'avvento del patriarcato.
* Anna Perenna, nelle Indie era adorata come Annia Purna, quindi divinità di origine orientale, il cui culto si svolgeva sulla via Flaminia in un bosco poco lontano da Roma. Secondo Macrobius era la Dea dell'anno nuovo, che fino al 153 a.C. iniziava in marzo. L'avvento del patriarcato sposterà l'inizio al solstizio d'inverno, tanto che settembre ottobre novembre e dicembre, anzichè essere il 7° 8° 9° 10° mese diventarono il 9° 10° 11° e 12° mese dell'anno pur conservando l'antico nome.
* Ops o Opi era la Dea sabina il cui culto fu introdotto a Roma da Tito Tazio, il re sabino che regnò su Roma con Romolo. Dea del grano mietuto e ripisto nei silos. Ma soprattutto Dea dell'abbondanza, che aveva in mano una cornucopia da cui uscivano i frutti della terra, quindi una Grande Madre, il nome "opera" deriva da lei.
* Pales, Dea delle greggi e degli armenti, per alcuni un Dio ma Tito Livio riporta: "Durante questa guerra, Pale, la dea dei pastori, richiese un tempio in suo onore quale prezzo della vittoria.» Dunque un'antica Dea, da cui si dice discendessero i Penati.
* Diana Nemorense, ovvero la Diana di Nemi, che aveva un ricco santuario in riva al lago, e di cui rimane una copia della statua, sulla via sacra che porta alla riva del lago, una Diana dalla veste corta e un seno scoperto, armata di arco e frecce, portatrice di una cornucopia vuota. Servio Tullio fece costruire il Tempio della Mater Matuta ed il Tempio della Dea Fortuna, nel Foro Boario, nonchè il tempio di Diana sulle rive del lago di Nemi e il suo santuario nel vicino bosco di Ariccia. La cornucopia vuota indicava la luna nera, cioè il culto ctonio della Dea, con i Sacri Misteri di vita e morte.



DODICI DEI

Dodici furono gli Dei principali di Roma:
Apollo, Cerere, Diana, Giove, Giunone, Marte, Mercurio, Minerva, Nettuno, Venere, Vesta e Vulcano.

* Apollo fu importato dalla religione greca senza alcun corrispondente romano. Era Dio della musica, della poesia, della guarigione e della profezia. Fratello di Diana, simboli di sole e luna. Spesso raffigurato con la cetra per cui era appellato il citeredo. In parte corrispondente all'etrusco Apulo e al greco Febo, ma fu anche assimilato ad Elios, il Dio sole.
* Cerere Dea delle messi, con una corona di spighe sul capo, una fiaccola in una mano e un canestro di grano e di frutta nell'altra.
* Diana con un diadema a semiluna sulle chiome, Dea infatti della luna, ma pure della caccia, con l'inseparabile cane cirneco, nonchè il cervo e la faretra sulle spalle. Assimilata alla greca Artemide.
* Giove, re degli Dei e dell'Olimpo, Dio dei tuoni e dei fulmini, barbuto, marito di Giunone. Ha come attributo il fulmine. Corrispondente all'etrusco Tinia e al greco Iuppiter.
* Giunone, antica Dea italica, antica Giovia tra i Marsi, e Iuno, moglie e medre di Iano. Per gli Etruschi Uni. Per i Romani ebbe come figlio Marte ma senza concorso di Giove. Come attributi lo scettro, il cuculo e il pavone.
* Marte Dio della guerra, amante di Venere, nella Roma arcaica, Dio del tuono, della pioggia, della natura e della fertilità. Fu il protettore dei soldati, e in qualità di padre di Romolo e Remo fu sentito come padre di tutti i Romani, quindi molto più sentito di Ares, il Dio greco della battaglia a cui fu assimilato. Armato di spada, con scudo ed elmo. Gli era sacro il picchio.
* Mercurio, messaggero degli Dei, Dio dei commercianti, degli avvocati e dei ladri. Ebbe come amante Venere da cui ebbe il figlio Eros, munito di ali ai piedi e del petaso, cappello a punta a larghe falde. Anche psicopompo, cioè accompagnatore delle anime dei morti. Il suo attributo era il caduceo: due serpenti attorcigliati intorno a un bastone. Trasferito dalla chiesa su San Mercurio.
* Minerva, o Mnerva per gli Etruschi e Athena per i Greci, Dea vergine della guerra, ma anche degli artigiani, e della guarigione (Minerva medica) attributi: la medusa sul petto, la lancia elmo e scudo, nonchè civetta e gufo. nacque da un mal di testa di Giove, per cui Vulcano gli spaccò la testa facendo uscire la Dea già armata.
* Nettuno, fratello di Zeus, antico Dio latino del mare, dei cavalli e delle corse, assimilabile al greco Poseidone, ma come moglie ebbe Salacia, la Dea salmastra del mare agitato. Gli era sacro il delfino e come attributo il tridente.
* Venere, antica Grande Madre e pertanto lussuriosa e bella, nata dal mare nuda ma presto vestita e ingioiellata. Sposò Vulcano che tradì con Marte, Mercurio e Anchise con cui generò Enea, progenitore di Giulio Cesare. Attributi: la colomba,il passero, la lepre, la collana, lo specchio.
* Vesta antica Dea del fuoco assimilabile a Estia greca, le sue sacerdotesse erano le vestali che custodivano il fuoco e i cimeli sacri, Nel tempio l'area più sacra, interdetta a chiunque tranne le Vestali, era il Penus Vestae, un sancta sanctorum dove erano conservati oggetti risalenti alla fondazione di Roma, tra cui il Palladio, il simulacro arcaico di Pallade Atena e che Enea aveva portato da Troia. Il Palladio era il simulacro ligneo della dea Atena, che Zeus donò a Ilo, il fondatore di Troia, facendolo cadere dal cielo davanti a lui. Era conservato in un grande tempio appositamente costruito, perché vegliasse sulla città. Per i Troiani era il simbolo del favore degli dei: “fin quando esso fosse rimasto al suo posto i Greci non sarebbero riusciti ad espugnare Troia”. Per questo motivo Ulisse e Diomede riuscirono con l’ astuzia a rapirlo. Dopo la distruzione di Troia, Diomede consegnò il Palladio ad Enea, che lo portò in Italia e lo tramandò alle generazioni della sua stirpe fino a Roma. Qui fu conservato nel tempio di Vesta e venerato anche dai Romani come simbolo della protezione degli Dei. Quando Teodosio nel 391 fece chiudere il tempio l'ultima sacerdotessa distrusse il Palladio perchè non cadesse in mani profane.
* Vulcano, Dio del fuoco e della forgia, è lui a costruire i fulmini per Giove, ma pure a forgiare armature per gli eroi. Figlio di Giove e Giunone era brutto e zoppo, ciononostante sposò Venere che però lo tradì con Marte. Sorpresili insieme li catturò in una rete d'oro chiedendo vendetta agli altri Dei, ma questi si limitarono a ridere, tanto sembrava assurdo che la bellissima Venere potesse essere fedele a un Dio tanto brutto.


Oltre a queste dodici divinità i Romani ne avevano tante altre, autoctone e importate. Praticamente avevano un Dio per ogni cosa:

* Abeona Dea protettrice delle partenze,
* Adeona protettrice del ritorno,
* Abundanzia che garantiva abbondanza del raccolto,
* Acca Larentia Dea Lupa della sessualità
* Aera Cura, Dea degli inferi trasformatrice,
* Aeternitas Dea dell'eterno ritorno della natura,
* Aio Locutio, Dio che avverte dei pericoli,
* Alemonia Dea che nutre il piccolo nel ventre materno,
* Angerona Dea delle corse nei circhi,
* Angizia Dea delle erbe medicinali,
* Anna Perenna Dea dell'anno nuovo.
* Annona per il buon raccolto ma pure per accantonare le scorte per la prossima semina.
* Antevorta Dea del futuro e delle nascite.
* Apollo Dio del sole, della musica, della poesia e profezia, che occorre però tenersi buono affinchè scongiuri le peste.
* Apru per aprire le corolle dei fiori e proteggere i giardini.
* Aradia protettrice delle streghe e loro regina, invocata per filtri e malefici.
* Attis Dio della vegetazione annuale.
* Aurora che portava l'alba e la dolcezza.
* Averna Dea del passaggio della morte.
* Bacco per il vino e l'ebbrezza. Trasferito dalla chiesa su San Bacco.
* Barbatus Dio che faceva crescere la barba.
* Bellona Dea della guerra, che combatteva in prima fila con i romani.
* Bona Dea per le buone messi.
* Bubona, Dea protettrice dei buoi.
* Caco Dio del fuoco, che però proteggeva dagli incendi.
* Candelifera, Dea della luce e delle candele.
* Cardea per i cardini delle porte, Ovidio racconta fosse la sposa di Giano bifronte e custodisse i cardini, cioè ogni inizio e fine, preposta anche ai punti cardinali.
* Carna, assiste le viscere dei bambini e il cuore e il fegato degli adulti, nonchè curatrice.
* Carmenta per passato e futuro, quindi anche per l'oracolo.
* Catillus protettore delle macine.
* Cerere per la crescita del grano. Regnava con la figlia Persefone.
* Chorus, Dio dei canti e dei cantori.
* Cibele, Dea della terra e dell'agricoltura.
* Cinxia Dea dei matrimoni, anche Dea della luna.
* Clementia Dea che ispira la clemenza nei giudizi o sui vinti.
* Cloacina Dea protettrice delle cloache e degli scarichi dei bagni. Fu dapprima uno degli appellativi di Venere, protettrice delle acque urbane e degli acquedotti.
* Cocles Dea che aiuta a vedere i ciechi e chi non vede alcune cose, anche in senso morale.
* Concordia portatrice di pace e di armonia nella comunità.
* Consus Dio dei silos e della mietitura. Proteggeva il grano dai topi.
* Copia Dea della ricchezza e abbondanza, di messi e di denaro.
* Cuba Dea che faceva addormentare i bimbi alla sera.
* Cunina Dea che cullava il bimbo facendolo addormentare o calmare.
* Cupido per innamorasi e innamorare.
* Dea Dia, della natura e dei campi.
* Diana per la caccia e la benedizione dei campi, ma anche Dea luna e Dea della caccia.
* Domiducus Dio che accompagna la sposa a casa.
* Dria Dea della pudicizia.
* Duellona Dea delle sfide e delle battaglie, invocata anche per le battaglie politiche.
* Ebe per le libagioni e l'arcobaleno che segna la fine dei temporali. Anche invocata per mantenere la giovinezza.
* Ecate, Dea della luna dell'oltretomba e della magia, patrona delle streghe e dei sortilegi.
* Edusa Dea che dava appetito ai bimbi.
* Epona per i cavalli e i muli.
* Esculapio per la medicina.
* Erumna Dea che salva dall'incertezza e dall'inquietudine.
* Fabulinus Dio che favoriva la prima parola ai bambini.
* Falacer Dio difensore del bestiame da bestie feroci e malattie.
* Fama Dea degli onori, della fama e delle dicerie, ovvero delle diffamazione.
* Fauna Dea degli animali femmine e del biflauto.
* Fauno Dio degli animali maschi e del flauto.
* Febris per scongiurare la febbre.
* Felicitas, Dea del successo e della ricchezza.
* Ferentina Dea delle acque pescose-
* Feronia per le bestie feroci.
* Fides Dea della fedeltà allo stato,
* Flora per portare la primavera.
* Fons per mantenere pure a abbondanti le acque dei pozzi.
* Fornax, protettrice dei forni.
* Fortuna per la buona fortuna e per conoscere il futuro.
* Fulgora Dea che ripara dai fulmini.
* Furrina Dea delle acque correnti.
* Giano custodiva la porta di casa, il primo e l'ultimo dell'anno.
* Giove per i temporali e i fulmini.
* Giove Dolicheno protettore dei soldati.
* Giunone Curitis, Dea della guerra.
* Giunone Lucina portava i neonati alla luce.
* Giunone Pronuba perchè le donne trovassero marito.
* Giunone Opigena che assisteva le partorienti,
* Giunone Cinxia che modellava il cinto da sposa,
* Giunone Iterduca che accompagnava la sposa nella nuova casa.
* Giunone Caprotina che assicurava la fecondità, delle donne delle bestie e dei campi.
* Giunone Moneta che protegge la Zecca e la prosperità dei Romani.
* Giunone Sospita la salvatrice degli uomini, e dei soldati.
* Giustizia Dea della giustizia e dei processi.
* Giuturna, proteggeva le fonti e le fontane.
* Honos Dea dell'onore e della moralità.
* Igea che curava i malati.
* Imporcitor Dio della terza aratura.
* Insitor Dio degli innesti.
* Irene, Dea della pace.
* Iside Dea dell'illuminazione, della maternità e del mare come protettrice dei naviganti.
* Iuventas Dea degli adolescenti.
* Lari per i campi e la casa.
* Laverna protettrice dei ladri.
* Liber Dio della fecondità dei campi.
* Libera Dea della fertilità, per campi e animali.
* Libitina Dea dei cadaveri e dei funerali.
* Lua, Dea della velocità, per soldati e atleti.
* Luperco Dio che allontana i lupi.
* Maia annunciatrice e portatrice della primavera.
* Mania Dea della morte.
* Marte che protegge i giovani maschi e i soldati.
* Mefite per i bagni in acque sulfuree.
* Mena protettrice del mestruo femminile,
* Mens Dea della mente e della coscienza,
* Mercurio per i buoni affari e per gli oratori,
* Messor Dio della mietitura,
* Minerva per la guerra condotta con intelligenza,
* Minerva medica per la cura delle malattie,
* Mitra, Dio del sole e dei soldati romani,
* Morfeo che procurava il sonno,
* Murcia Dea della bellezza velata,
* Mutinus Dio della fertilità delle donne,
* Nenia protettrice dei canti funebri,
* Nettuno Dio del mare e delle corse dei cavalli,
* Noctis Dea della notte,
* Nona, protettrice delle donne gravide
* Nerio, che ispira la ferocia in battaglia,
* Occator Dio protettore del contadino che spiana la terra con l'erpice,
* Opi Dea della maturazione del grano,
* Orbona Dea degli orfani.
* Pales per la prosperità dei pascoli e la protezione dei pastori,
* Partula Dea che faceva partorire presto le donne,
* Pax Dea della pace,
* Palaemon protettore del ritorno in porto delle navi,
* Paventia Dea che evitava o curava dagli spaventi,
* Persefone Dea degli inferi per il buon trapasso,
* Pietas Dea del rispetto dello stato, della famiglia e degli Dei,
* Pomona per i frutti autunnali,
* Populonia Dea delle nascite,
* Poros Dio dell'ingegno che produce abbondanza,
* Portuno protettore dei porti,
* Postvorta Dea che protegge i naonati in posizione cefalica,
* Potina Dea che proteggeva la bevuta del bimbo perchè non si strozzasse,
* Plutone Dio degli inferi e delle ricchezze,
* Priapo Dio della sessualità virile,
* Prorsa Dea che si prende cura della posizione del neonato durante il travaglio,
* Quirino Dio protettore delle Curie,
* Rederator Dio protettore della seconda aratura,
* Robiga Dea delle selve,
* Robigus Dio protettore dalla ruggine del grano,
* Roma, la Dea protettrice dell'Urbe e dell'Impero,
* Rumina, che protegge il latte materno,
* Sabazio Dio della fertilità,
* Salacia Dea del mare,
* Salus per la salute,
* Sanco Dio dei giuramenti,
* Saturno per la semina,
* Securitas Dea che dava la sicurezza,
* Sentia, Dea che aiutava a pensare,
* Silvano Dio dei boschi,
* Somnus Dio del sonno e dei sogni,
* Soranus Dio della morte e del termine,
* Spes la Dea che ridava la speranza,
* Statulino Dio che curava la posizione eretta dei bimbi,
* Sterculo Dio della concimazione dei campi,
* Stimula che infondeva passioni alle donne,
* Strenia che porta doni ai bambini,
* Subruncinator Dio della sarchiatura,
* Summanus Dio dei tuoni notturni.
* Tacita Dea dei segreti e del silenzio.
* Tana Dea della magia e della trasformazione.
* Tellumo Dio della crescita delle piante.
* Tempesta per sedare le tempeste, soprattutto in mare.
* Termine per i confini.
* Tiberino Dio del Tevere.
* Urano, Dio del cielo.
* Vacuna Dea del riposo dopo il lavoro,
* Vaticano Dio che apre la bocca al neonato consentendogli il primo vagito.
* Veiove protettore dei boschi sacri.
* Venere per l'amore e la sessualità.
* Venilia Dea delle profondità marine.
* Vercvactor Dio della prima aratura.
* Verminus Dio che allontanava dal bestiame la malattia dei vermi.
* Veritas Dea della verità e la lealtà,
* Vertumno per la maturazione dei frutti.
* Vesta, Dea del focolare.
* Vica Pota Dea della conquista e della vittoria.
* Victoria, Dea della vittoria in guerra.
* Viduus Dio che separa l'anima dal corpo dopo la morte.
* Virbio Dio della caccia.
* Virginia Dea della politica.
* Viriplaca Dea che placa la rabbia degli uomini.
* Virtus Dea del coraggio in battaglia.
* Volturno Dio del vento.
* Volupia Dea del piacere sessuale, nochè delle prostitute.
* Vulcano per i fabbri.

C'era anche un Dio che aveva parlato un'unica volta, ammonendo di notte i Romani di ricostruire mura e porte o Roma sarebbe stata conquistata. Dopo l'invasione dei Galli i Romani ripensarono alla voce notturna e gli innalzarono un tempio. Il Dio si chiamò Aio Locutio.


I SACERDOTI

Riferisce la tradizione che fu Numa Pompilio ad istituire i sacerdozi stabilendo riti e cerimonie annuali. Infatti il nuovo calendario, della fine del VI secolo a.C. divideva l'anno in giorni fasti e nefasti stabilendo feste e cerimonie. A capo della gerarchia religiosa c'era il Rex Sacrorum, cui erano affidate le funzioni religiose compiute un tempo dai re.


Sotto di lui i:

* Flamini, 3 maggiori e 12 minori, addetti ciascuno al culto di una specifica divinità.
* Pontefici, erano 16 con a capo il Pontefice Massimo, addetti a presidiare il culto religioso.
* Auguri, anche questi 16, interpreti degli auspici per ottenere il consenso degli Dei ed evitarne le ire. Erano di derivazione etrusca. Si basavano sul volo degli uccelli, tracciando linee nell'aria con un bastone ricurvo (il Lituo), delimitando una porzione di cielo, per interpretare l'eventuale passaggio di uccelli. Oppure si basavano su la lettura del fegato di un animale sacrificato, o su eventi straordinari, i prodigi, come calamità naturali, animali a due teste, epidemie, eclissi ecc.per interpretare l'umore degli Dei.
* Vestali, 6 sacerdotesse consacrate alla dea Vesta, con una Gran Sacerdotessa, le uniche che avessero l'obbligo della castità pena la morte. Tenevano perennemente acceso il fuoco della Dea che seppur declassata era la prima divinità cui si faceva il rito annuale.
* Decemviri o Quimdecemviri sacris faciundis, addetti alla divinazione ed alla interpretazione dei Libri Sibillini, antichi libri risalenti a un'epoca matriarcale, quelli che vennero consultati per sconfiggere Cartagine e che portarono a Roma il simulacro della Grande Dea Cibele.
* Epuloni, addetti ai banchetti sacri.
* I Sodalizi invece erano confraternite religiose, e a Roma ce n'erano quattro:
* I Fratelli Arvali, erano 12 dodici, addetti al culto della Dea Dia, con riti segreti e misterici. Nel mese di maggio compivano l'antica cerimonia di purificazione dei campi, gli Arvalia.
* I Luperci, addetti ai Lupercalia, divisi in Quintiali e Fabiani. riti di purificazione in nome del Dio Luperco, protettore del bestiame ovino e caprino dall'attacco dei lupi. Per Dionisio di Alicarnasso i Lupercalia si rifacevano all'allattamento di Romolo e Remo da parte di una lupa e venivano celebrati nella grotta chiamata appunto Lupercale, sul colle romano del Palatino dove avvenne il fatto. Che un Dio lupo protegga le pecore è poco credibile, mentre la Lupa era un'antica divinità romana cui si dedicava la prostituzione sacra, tanto è vero che le prostitute a Rola venivani chiamate "lupe" e il postribolo "lupanare". Per questo i Romani si definirono "figli della lupa".
* I Salii, sacerdoti di Marte, divisi in due gruppi da dodici detti Collini e Palatini. Gli antichi Sabini lo adoravano sotto l'effigie di una lancia chiamata "Quiris" da cui il nome del dio Quirino, da cui Romolo Quirito. Il culto era dunque in realtà più antico, sia sabino che celtico.
* I Feziali, una sorta di 20 ambasciatori di guerra col nemico. Il Bellum Iustum, la giusta guerra, doveva essere dichiarata secondo un rito in cui il Pater Patratus pronunciava una formula mentre scagliava il giavellotto in territorio nemico. Ma il rito era scomodo e pericoloso per cui si adibì terreno presso il Teatro di Marcello, su cui fu eretta una colonna, Columna Bellica, che rappresentava il territorio nemico, in cui svolgere il rito.

I TEMPLI

Lo spazio sacro per i Romani fu all'inizio un bosco sacro, un'ara, un luogo consacrato, orientato secondo i punti cardinali, a seconda del carattere del Dio si sceglieva l'orientamento. A Roma, nel II sec. a.c. si poteva tagliare legna da un bosco sacro solo sacrificando un maiale. Nel De re rustica Catone cita la preghiera di espiazione che deve fare il taglialegna alla divinità del bosco perchè non lo punicsa per la sua necessità.

L'altare o ara era la struttura sacra dedicata alle cerimonie religiose, alle offerte ed ai sacrifici, un tempo erette nei boschi o presso le sorgenti, poi in città negli incroci o nei templi.

Le edicole sorgevano come oggi quelle cattoliche, agli incroci di strade, e c'erano poi i sacelli, santuari in dimensioni ridotte. Le edicole erano piazzate in punti strategici, anche agli angoli delle strade, coi loro lumini che servivano anche di riferimento ai viandanti notturni.

Il tempio romano fu all'inizio molto simile all'etrusco, poi si rifece all'arte greca ma senza notevoli varianti. Il tempio romano era soprelevato e accessibile da una lunga scalinata, con una parte interna accessibile solo ai sacerdoti, e una esterna per il pubblico che presenziava.

OGGETTISTICA NEI SACRIFICI

* Situla - In bronzo o in argento serviva in ambito religioso, come contenitore di acqua lustrale, o vaso per libagioni, o per raccogliere il sangue delle vittime durante isacrifici o nei riti bacchici.
* Rhyton - Vaso per bere in argento o oro, a forma di corno di animale, ricurvo e a punta. Spesso la parte superiore del vaso é a testa di satiro o di animale, con un foro sul fondo per fare uscire il liquido; a volte usato per le libagioni. Spesso riferito al culto dionisiaco.
* Patera - Vaso da libagione in terracotta, bronzo o argento, con vasca poco profonda e ampia, a volte ombelicata, a pareti convesse, e manico tubolare sotto l’orlo, uniti da una placca con due appendici a “chele di granchio” che seguono la curvatura delle pareti per quasi tutta l'altezza. Alcune patere hanno un emblema al centro del fondo. Rappresentata spesso in scene di sacrificio o figure di offerenti e di defunti. Le patere ombelicate hanno una protuberanza sporgente al centro, una rientranza del fondo stesso, che serviva a facilitarne la presa col dito.
* Aspersorio - Un legno o un bastoncino di bronzo o argento alla cui estremità era attaccato un ciuffo di crine, Serviva per aspergere e benedire gli animali o le are.

GLI ANIMALI NEI SACRIFICI

Solitamente venivano sacrificati buoi, pecore, maiali, capre, ma anche altri animali, a seconda della natura del dio e delle circostanze del sacrificio. Gli animali destinati al sacrificio non dovevano avere difetti fisici, e una volta prescelti venivano separati dal resto del gregge. Il giorno del sacrificio la vittima veniva lavata e adornata con ghirlande vegetali, e successivamente “immolata” cioè cosparsa di un miscuglio di farro e sale, la mola salsa, preparata dalle vestali. Alcuni inservienti provvedevano a condurre l’animale sul luogo del sacrificio, dove attendevano il sacrificante, un magistrato o il capo famiglia, i vittimari, incaricati di uccidere la vittima, gli aruspici, che esaminavano le viscere della vittima a scopo divinatorio, una lunga serie di attendenti e il pubblico. Dopo le preghiere di rito la vittima veniva abbattuta. Il sangue colato veniva raccolto e cosparso sull’altare, e l’animale squartato per estrarne le viscere. Le viscere, tagliate a pezzi e cosparse di olio e sale venivano offerte alla divinità, mentre tutto il resto veniva consumato dagli astanti.

IL SACRIFICIO UMANO - LA DEVOTIO

La Devotio era un voto di immolazione di sè che un ufficale romano faceva prima di una battaglia di esito pericoloso, per assicurare ai suoi la vittoria.
Pronunciato il suo voto l'ufficiale si gettava nella mischia per farsi colpire e uccidere, dando enorme incoraggiamento ai romani, in quanto convinti che quel sacrificio umano costringesse gli Dei a dar loro la vittoria.

Il primo caso di devotio presente nell'annalistica romana è quello riportato da Livio durante la narrazione della guerra contro i Latini del 340 a.c. Provenne dalla gens Decia, di origine sabina, per la quale il rito della devotio, era una istituzione sacra e gentilizia.
L'esercito romano stava subendo pesanti perdite ad opera del nemico e Publio Decio Mure, al comando delle proprie legioni, decise di sacrificare la propria vita compiendo la Devotio:

"Il pontefice gli ordinò di indossare la toga pretesta, di coprirsi il capo e, toccandosi il mento con una mano fatta uscire da sotto la toga, di pronunciare le seguenti parole, ritto, con i piedi su un giavellotto:
- Giano, Giove, padre Marte, Quirino, Bellona, Lari,
Dei Novensili, Dei Indigeti,
Dei cui siamo affidati noi e i nostri nemici,
Dei Mani, vi invoco, vi imploro e chiedo umilmente la grazia:
concedete benigni ai Romani la vittoria e la forza necessaria
e gettate paura, terrore e morte tra i nemici del popolo romano e dei Quiriti.
Come ho dichiarato e nel senso che ho dato alle mie parole,
così io agli Dei Mani e alla Terra,
per la repubblica del popolo romano dei Quiriti,
per l'esercito, per le legioni e per le truppe ausiliarie
del popolo romano dei Quiriti,
offro in voto le legioni e le truppe ausiliarie del nemico
insieme con me stesso" -

Cintasi poi la toga con il cinto gabino, saltò a cavallo con le armi in pugno e si gettò in mezzo ai nemici, apparendo a entrambi gli eserciti con un aspetto ben più maestoso di quello umano, come fosse stato inviato dal cielo per placare ogni ira degli Dei. -
Un altro Publio Decio Mure, figlio del precedente, eseguì il rito della devotio nel 279 a.c. durante la guerra contro Pirro.
Macrobio (Saturnali) - la Devotio contro Cartagine

Nel 147 a.c., la sera che precedette l'attacco finale, Scipione Emiliano radunò il suo esercito e pronunciò la sacrale devotio, invocando le potenze infernali a punire i nemici di Roma.

«Disperdeteli per sempre, seminate terrore e angoscia nella città di Cartagine e nel suo esercito che ora chiamo con il suo vero nome. Coloro che portano le armi e lanciano le loro frecce contro le nostre legioni e il nostro esercito, fateli scomparire e portate via la luce da questo esercito, da questi nemici, dagli uomini delle città, dai campi e da tutti gli abitanti di queste regioni.»

Dunque un comandante romano, in situazioni di estrema gravità, poteva prima o durante la battaglia decidere di votare la sua vita e l'esercito nemico agli Dèi Mani e alla Terra. Indossata la toga praetexta, di cui un lembo doveva coprire il capo, saliva su una cavalcatura impugnando un'arma da lancio e, tenendosi il mento con una mano, pronunciava la formula rituale della deuotio. Dopo averla pronunciata, indossata la toga col cinctus Gabinus (cioè annodata in vita), si gettava tra le file nemiche trovando la morte.

Il comandante poteva anche scegliere al posto suo un milite tra i cittadini arruolati nella legione. Se l'uomo moriva, la scelta era ben fatta; se non moriva, si sotterrava una statua alta 7 piedi (circa due m.) e si faceva un sacrificio espiatorio. Era vietato ai magistrati romani passare sopra il luogo di sepoltura di questa statua. Se era il comandante a votarsi e a non morire, non avrebbe più compiere alcuna cerimonia religiosa privata o pubblica senza contaminazione. Se il nemico si impadronisca dell'arma sulla quale il comandante aveva pronunciato la formula della devotio, occorreva compiere un suouetaurilia (sacrificio di un porco, una pecora e un toro) espiatorio a Marte.
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e la sua mitologia

Messaggio Da matrona il Lun Nov 08, 2010 10:40 pm

ABÈONA
Divinità romana protettrice dei viaggiatori, altra divinità simile era Adeona protettrice di quelli che tornavano.

ABILLIO
Nome del figlio che nel Ratto delle Sabine, Romolo ebbe da Ersilia.

ABLEGMINA
Nome dato a quella parte delle viscere degli animali immolati nei sacrifici che si soleva offrire alla divinità.

ABNOBA
Dea silvestre e delle sorgenti, identificata con Diana col nome di Diana Abnoba. Era venerata nella Foresta Nera.

ABORIGENI
Questa parola, vuole designare quelli che sono senza origine, e cioè i popoli primitivi di ciascun paese. In questo modo sono chiamati gli abitanti autoctoni del Lazio che, fusisi con i Troiani, si chiamarono poi Latini dal re Latino.

ACATE
Il fido compagno d'Enea, col quale, approdando alle promesse rive del Lazio, salutò per primo col nome d'Italia. La terra promessa dai fati.

ACCA LARENZIA
In Acca Larenzia si mescolano mito e leggenda. Da un lato, essa è, un antichissima dea etrusca, acquisita dai Romani come prostituta semidivina protettrice dei plebei. Dopo aver passato una notte di preghiere nel tempio di Eracle, per volere del semidio incontrò un uomo ricchissimo che sposatala, la lasciò erede di una immensa fortuna, che a sua volta lasciò al popolo romano, che festeggiava la donazione con le feste dette Larentali, ricorrevano il 23 dicembre. Acca è anche chiamata Faula o Fabula simbolo latino di donna di facili costumi. Più tardi il nome di Acca Larenzia fu attribuito alla moglie del pastore Faustolo che aveva trovato Romolo e Remo. Pur essendo già madre di dodici figli, i cosiddetti fratres arvales, Acca Larenzia allattò e allevò anche Romolo e Remo. Dato che con la parola lupa i romani chiamavano le prostitute, ecco una spiegazione razionale, sebbene meno romantica, per la storia secondo cui Romolo e Remo erano allattati da una lupa.

ACESTE
Figlio del dio fluviale Crimiso in Sicilia, e di Egesta, nobile donna Troiana, accolse con cordiale ospitalità Anchise ed Enea, erranti alla faticosa ricerca della patria originaria della loro famiglia. Aceste fece, seppellire con grande onore sul monte Èrice, il vecchio padre di Enea, Anchise.

ADEONA
Divinità che proteggeva coloro che facevano ritorno dai viaggi.

ADOREA
Divinità romana che rappresentava la Vittoria.

AEDES
Significa casa e per i romani aveva due valori: Sepolcro nel senso di casa del defunto e tempio come casa del dio. Vi è però una precisa differenza fra Aedes e tempio. L'Aedes dopo la consacrazione del Pontefice era esclusivamente luogo di culto. Il tempio era inaugurato dall'Augure e oltre che per funzioni sacre era usato anche per funzioni civili. Il rito di consacrazione dell'Aedes era chiamato Dedicatio e ogni anno si celebrava la ricorrenza. L'Aedes era protetta dallo stato e l'affidava alle cure dell'Adituus. Anche i privati potevano costruire Aedes che non erano consacrate dal pontefice e non erano sotto la protezione dello stato. Con Aedicula si intendeva il diminutivo di Aedes, era una specie di cappella che poteva trovarsi anche dentro un tempio o ai crocevia. Con lo stesso nome si designava anche la cappella di famiglia.

AGATODEMONE
I greci tenevano la sua effigie nelle loro case come buon auspicio poiché era il genio buono. La sua effigie era un piccolo serpente con la testa coronata e la coda con un fiore di loto, oppure come giovane che reggeva la cornucopia in una mano e nell'altra un mazzo di spighe e papaveri. Agatodemonisti erano chiamati dai romani la gente che non beveva altro.

AGENORIA
Dea dell'Iniziativa, dell'Intraprendenza e dell'Industria. Era venerata dai romani anche col nome di Strenua. Aveva un tempio sull'Aventino.

AGONIUM INDIGETIS
Vedi Indigeti.

AIO LOCUZIO
Divinità latina, era onorata a Roma per dare una speciale forma di culto al dio Ignoto che aveva parlato per avvisare i Romani che i Galli si apprestavano ad invaderli.

ALBUNEA
Sibilla latina che dava i suoi oracoli vicino a Tivoli e per questo era chiamata Tiburtina.

ALMA
Epiteto di Cerere che significa la Nutrice.

ALMONE
Dio fluviale romano ritenuto padre della ninfa Lara.

AMATA
Moglie del re del Lazio e madre di Lavinia, desiderosa di farle sposare Turno re dei Rùtuli invece di Enea al quale il padre Latino l'aveva promessa. Amata incitò Turno perché facesse guerra al rivale e quando questi lo uccise, Amata si tolse la vita.

AMORE
Per i Greci Eros, per i Romani Cupido, era rappresentato come un giovanetto nudo di grandissima bellezza armato di un arco col quale scagliava le infallibili frecce dalla cui ferita nasceva il mal d'amore. Era la personificazione della forza irresistibile che spinge gli esseri umani uno verso l'altra. Era venerato non solo come dio dell'amore ma anche come protettore delle amicizie fra gli uomini. Figlio di Afrodite e di Ares appena nacque Zeus al solo guardarlo conobbe quanti guai avrebbe combinato quel bimbo e cercò di convincere Afrodite a sopprimerlo.
amore e psiche
Allora Afrodite per salvarlo da Zeus lo fece allevare di nascosto nei boschi dove le bestie feroci lo allevarono e nutrirono. Appena il bimbo crebbe abbastanza da utilizzare un arco se ne costruì uno di frassino e le frecce di cipresso, imparò da solo l'uso dell'arma addestrandosi con gli animali nell'arte di ferire gli uomini e gli dèi. Non risparmiò nemmeno la madre che scoccandole a tradimento una freccia la fece innamorare di Adone (unico amore della dea) che fu ucciso da Ares ingelosito. Afrodite gelosa della bellezza di Psiche pregò Amore perché la facesse innamorare del più povero dei mortali per togliersela davanti. Il dio vedendo la ragazza ne restò incantato e l'amò senza rivelarle chi egli fosse e senza farsi mai guardare altrimenti lo avrebbe perso. Psiche incitata dalle sorelle non resistette alla tentazione ed una notte accesa una lampada lo guardò, ma il dio svegliatosi di soprassalto per uno schizzo d'olio sparì. Psiche cercò inutilmente il suo amore anzi Afrodite la umiliava ed angustiava durante le sue ricerche. Infine i due si ritrovarono e Amore ottenne da Zeus che la sua amata fosse posta fra gli immortali. Dalla loro unione nacque la Voluttà. Leggi su come colpisce Apollo. Sulla sua nascita secondo Esiodo, Teogonia. Sulla sua natura secondo il Simposio di Platone. Su come Amore tiranneggia le sue vittime. Sul suo amore per Psiche, Apuleio L'asino d'oro IV, XXX e ss..

AMULIO
Fratello di Numitore spodestato del regno di Alba Longa costrinse la figlia (Rea Silvia) di lui a farsi vestale per non avere da Rea Silvia chi potesse contestargli il trono.

ANCHISE
Eroe di Troia, figlio di Capi e di Temi cugino di Priamo e padre di Enea, figlio avuto da Afrodite, per essersi vantato del favore della dea fu da lei punito con la cecità. Dopo la caduta di Troia fu salvato dal figlio che lo portò a spalla. Durante il viaggio verso l'Italia, morì a Trapani dove il figlio gli diede onorata sepoltura sul monte Erice dove c'era un tempio consacrato ad Afrodite. Enea sceso nell'aldilà incontra il padre che gli dà le profezie sulla grandezza di Roma e l'Eneide così recita:
<< ... ma tu,
Romano ricorda che i popoli devi al tuo cenno piegare
questa sarà la tua arte
e imporre di pace sicura le norme, e grazia concedere ai vinti
e debellare i superbi >>. (VI)

ANCILI
Così erano chiamati i dodici scudi sacri di cui solo uno era autentico e gli altri imitazioni. Quello autentico era caduto dal cielo a Numa Pompilio quale segno di consenso degli dei ai quali aveva chiesto la protezione di Roma. Per paura che lo scudo potesse essere rubato Numa Pompilio ne fece fare altri undici uguali da Veturio Mamurio. Gli Ancili erano custoditi sul Palatino nella Curia Saliorum e portati in processione dai sacerdoti Salii ogni primo di marzo.

ANGERONA
Dea romana addetta alla protezione delle tonsille e della angina, aveva pure il compito di proteggere gli amori segreti. Era raffigurata con l'indice della mano destra portato alle labbra, il 21 dicembre si celebravano le sue feste dette angeronalie.

ANGINA
Come si può dedurre dal nome, questa dea si occupava della buona salute della gola, oggi nelle nostre città fortemente inquinate, sarebbe molto utile avere tale dea.

ANGIZIA
Ebbene, questa è un'altra divinità che presiedeva alla salute in genere, meglio abbondare!

ANNA
Sorella della fenicia Didone, dopo la morte della quale si ritirò a Malta. Avendo il fratello Pigmalione cercato di farla tornare in Fenicia, essa andò in Italia a sorvegliare Enea per l'abbandono del quale la sorella si era data la morte, ma incappata nella gelosia furiosa di Lavinia (moglie di Enea) si gettò nel fiume Numicio trasformandosi in ninfa.

ANNA PERENNA
Divinità latina dell'anno, le sue feste si celebravano con banchetti e giochi, si celebravano a Roma in concomitanza alle Idi di Marzo.

ANNONA
I romani intendevano con questa parola la raccolta di vettovaglie per l'esercito e la distribuzione dei generi alimentari al popolo da parte dello stato. Per dare maggiore importanza a questa attività fu personificata nella dea Annona ancella di Cerere e raffigurata con la Cornucopia il moggio e le spighe di grano.

ANTANDRO
Porto della Frigia dal quale salpò la flotta di Enea alla volta dell'Italia.

ANTEVORTA
Aggettivo di Carmenta, divina veggente che secondo la tradizione, sarebbe venuta col figlio Evandro nel Lazio dall'Arcadia. Era invocata per proteggere i bambini dalle Striges, uccelli notturni che si credeva succhiassero il sangue dei bimbi in culla, e delle partorienti nelle doglie. Si credeva che Carmenta conoscesse il passato e il futuro, essa fu pure chiamata Antevorta, Postvorta e Prorsa.

APEMO
Con questo epiteto che vuol dire: apportatore di ogni bene. Giove aveva un tempio a lui dedicato a Roma.

APOLLO
Senza dubbio dopo Zeus, Apollo è il dio più importante della mitologia greca. Il mito di Apollo è legato a quello di Artemide (sorella gemella di lui) con le differenze sessuali ed ha un carattere parallelo. Latona sedotta da Zeus pellegrinò a lungo sulla terra per sfuggire all'ira di Era, nessuno volle ospitarla per timore della vendetta della tremenda dea, finalmente giunse a uno scoglio errante sul mare che la ospitò e in prossimità del parto lo scoglio si fissò al fondo marino con delle colonne diventando così l'isola di Delo.
Apollo e Dafne
Assistita dalla dea Iride Latona partorì i due gemelli Apollo e Artemide dopo un lungo e laborioso travaglio. Le due divinità hanno un che di misterioso e inavvicinabile che incute rispetto, entrambi munite di arco colpiscono da lontano e chi è colpito dai loro dardi muore senza soffrire. Apollo rappresenta l'autocontrollo, l'autoconoscenza e il senso della misura nel suo tempio a Delfi stava scritto Conosci te stesso. Egli si occupa anche delle espiazioni, delle purificazioni, delle guarigioni e tale compito gli rimane anche dopo avere dato le sue proprietà mediche al figlio Asclepio. Apollo è anche un dio profetico e dio del giusto e della purezza ed anche della musica difatti è rappresentato con la lira a capo delle Muse. Esso fu identificato anche con Elio e era immaginato alla guida d'un carro tirato da quattro cavalli e col quale conduceva il Sole per il cielo. Identificato come un giovane bellissimo e nudo. Il centro del suo culto era Delfi dove c'era anche il suo famoso oracolo e dove ogni quattro anni si celebravano in suo onore i giochi pitici. I romani lo venerarono come protettore della salute e come dio della divinazione in suo onore celebravano i giochi detti Ludi Apollinares. Per Apollo e Dafne, Ovidio, Metamorfosi. Per la sua avventura con Giacinto Ovidio, Metamorfosi X, 162 ss. Per la costruzione delle mura di Troia da parte di Apollo e Posidone Virgilio Iliade VII, 452 ss. e XXI, 441 ss. Per la ritorsione di Apollo verso Zeus per l'uccisione di Asclepio, Euripide nel prologo dell'Alcesti.

APONA
Fontana vicino Padova che guariva tutte le malattie.

AQUILICIO
Sacrificio agli dèi per ottenere il beneficio della pioggia.

AQUILONE
Vento freddo di nord-est figlio di Eolo e dell'Aurora, era raffigurato come un vecchio coi capelli bianchi e con la coda di serpente e recava in mano un piatto di olive a simboleggiare le frequenti bufere che scatenava ad Atene città di Atena alla quale era consacrato l'olivo.

ARA
Luogo dove si compivano i sacrifici agli dei per mezzo del fuoco. Presso i romani si intendevano gli altari dedicati agli dèi e in senso estensivo ad ogni monumento commemorativo di una certa dimensione.

ARA PACIS AUGUSTAE
A Roma monumento edificato per celebrare la pace stabilita dall'imperatore Augusto dopo le guerre in Gallia e in Spagna. La costruzione fu decisa dal senato nel 13 a.C. e collocata nel Campo Marzio. Era formata da un podio rettangolare (ca 10 m per lato), e faceva da supporto all'altare vero e proprio era circondato da un recinto decorato da motivi floreali da figure umane. Sui lati del recinto sono rappresentati: la cerimonia dedicatoria, i Tellus, la Terra, la dea Roma, Enea e i penati.

ARCULO
Divinità che presiedeva alle fortificazioni e alle piccole città.

ARGENTINO
Figlio della dea Pecunia e dio dell'Argento.

ARUNTE
Guerriero etrusco che con una freccia uccise la guerriera volsca Camilla.

ARUSPICI
sacerdoti istituiti da Romolo, esaminavano gli animali offerti in sacrificio agli Dei, per trarne i presagi. Se la vittima doveva essere trascinata con la forza all'altare, o se sfuggiva di mano al conduttore, o se schivava il colpo, o quanto altro rendeva difficoltoso il sacrificio, era di cattivo presagio. Per essere di buon presagio, la fiamma doveva elevarsi presto, impetuosa, piramidale, trasparente e senza fumo.

ARVALES FRATRES
A Roma era un collegio sacerdotale. Erano in numero di 12 (Nei periodi imperiali il loro numero di tanto in tanto era superiore). e ogni anno alla fine di maggio celebravano gli Ambarvalia, feste religiose per la purificazione dei campi e per impetrare il buon raccolto. Nel Museo Capitolino vi sono frammenti degli annali (Acta frarum Arvalium) che essi incidevano su pietra per ricordare i piú importanti avvenimenti religiosi e politici di Roma. Gli Arvali si dedicavano al culto della Madre Terra (Dia). La loro sede era sul Palatino e poi fu spostata nel lucus deae Diae (bosco sacro alla dea Dia).I sacerdoti recitando il Carmen Arvale invocavano la protezione dei Lari e di Marte che inizialmente era una divinità campestre.

ARVALI
gli dei del Lazio antichissimo che proteggevano l'agricoltura. Fra essi: Dia, Marmar, Cerere, Libero, ecc.

ASCANIO o IULO
Figlio di Enea e di Crèusa, continuò la guerra contro gli etruschi ed ucciso il loro re, fondò Alba Longa che fece capitale del suo regno, accolse nella città la matrigna Lavinia che temendo di essere odiata da lui vagabondava per i boschi col piccolo figlio Latino Postumo che succedette ad Ascanio.

ASCLEPIO o ESCULAPIO
Esculapio per i Romani, Asclepio per i Greci, era il dio della medicina. Dalle origini incerte non è chiaro se in origine fosse una divinità sotterranea della Tracia o se come nel caso di Imhotep in Egitto, un uomo realmente esistito che per la sua bravura in tale scienza fu elevato a divinità. Pindaro racconta che Asclepio era stato generato da Apollo e Coronide figlia di Plegia, re dei Tessali. Coronide prima di partorire si innamorò di un comune mortale di nome Ischi. Apollo furioso per il tradimento fece trafiggere l'infedele dalla sorella Artemide con una delle sue frecce. Quando la salma di Coronide si stava consumando nel rogo, Apollo le strappò dal grembo il frutto del loro amore, Asclepio. Apollo salvato che ebbe il figlio lo affidò alle cure del centauro Chitone che lo educherà all'arte medica e all'uso delle armi. Però fattosi adulto Asclepio sceglierà di alleviare le sofferenze umane con la medicina. La leggenda afferma che Egli avrebbe guarito le Pretidi dalla pazzia, i Fineidi dalla cecità e Eracle dalle ferite. Crescendo la sua notorietà, cresce pure la sua ambizione e così vuole sconfiggere la morte. Così inizia a resuscitare i morti: Orione, Ippolito, Capaneo e tanti altri. Con questo egli però supera i limiti imposti da Zeus, il quale irato lo fulmina. La morte del figlio causa l'ira di Apollo che in un momento di collera uccide i Ciclopi rei di aver forgiato le saette a Zeus, fatto questo abbandonò per molto tempo l'Olimpo. Asclepio ebbe da Lampezia quattro figlie: Panacèa (guariva tutti i mali), Iaso (provocava le malattie), Igèa (personificazione della salute) ed Egle. Gli attributi di Asclepio erano: lo scettro, la verga e il rotolo di libro. Gli erano sacri il serpente, il cane, le oche e il gallo.

ASILO
Immunità data da un luogo sacro e poi il luogo stesso. Questa usanza era molto diffusa presso i Greci, essi pensavano che la santità di un luogo, tempio o bosco si trasmettesse a chi vi si trovasse e perciò diveniva sacro ed inviolabile. Pare che l'Asilo fosse inizialmente sconosciuto ai Romani. Augusto lo concesse al tempio del divo Giulio. Gli Imperatori erano avversi a tale usanza e perciò limitavano il diritto d'Asilo.

AUGURI
Nella Roma antica il collegio sacerdotale degli Auguri ebbe grande influenza e rispetto. Il loro compito consisteva nell'interpretare la volontà degli dèi, traendo l'auspicio dal canto, dal volo e dal modo di mangiare degli uccelli, e da ogni fenomeno naturale (tuoni, fulmini, piogge, temporali ecc.). L'augure si metteva con la faccia rivolta verso sud, figurando di stare al centro di un cerchio. La metà alle sue spalle era la pars postica, quella davanti a lui era la pars antica, a sinistra la pars familiaris (lato fausto) a destra la pars hostilis (lato infausto). Quindi un tuono che veniva da sinistra era un buon segno. Gli auguri allevavano pure dei polli per trarne auspici dal modo di beccare. I Romani non intraprendevano nessuna azione senza aver prima consultato gli auguri.

AURORA
Nome latino di Eos.
lago averno

AVERNO
Lago della Campania, cinto da irte rupi scoscese. A causa delle emanazioni solforose la leggenda romana poneva là l'entrata degli inferi.

AVERUNCI
Dèi che i Romani invocavano per essere preservati dalle sciagure e dai mali.

BACCO
Uno dei tanti nomi per indicare il dio Dioniso. Gli erano sacre le foreste e le vallate dove viveva freneticamente. Fu dio della forza fecondatrice della natura, venerato dalle donne. La sua origine è alquanto complessa, quindi ci limitiamo a queste brevi righe onde evitare grandi confusioni.

BELLONA
Antica divinità della guerra a Roma. Il suo culto era legato a quello di Marte. A Roma aveva un tempio dove il Senato riceveva i generali vittoriosi e gli ambasciatori stranieri. Bellona era raffigurata ricoperta da un'armatura e con l'asta in mano.

BÌVIA
Dea romana che custodiva gli incroci delle strade.

BONA DEA
Vedi Fauna.

BUBÒNA
Divinità romana che si occupava di proteggere i buoi.

BUON EVENTO
divinità romana dell'agricoltura, delle messi e di ogni attività umana.

CABIRI
Erano i servitori della Grande Madre Cibele. Erano considerati i protettori dei marinai che li invocavano chiamandoli Megaloi theoi, mentre i romani li chiamavano Dii magni potentes valentes, sull'isola di Lemno, erano chiamati Haphaistoi.

CACA e CACO
Caca, fu un'antica divinità del fuoco. Caco, invece era di statura enorme e ladro patentato di armenti, fu ucciso da Ercole perché il gigante mentre l'eroe riposava gli aveva rubato parte della mandria (i buoi di Geriòne), quando al risveglio Ercole scoprì di essere stato derubato si mise alla ricerca del maltolto e scoprendo che il ladro era Caco nella lotta che ne derivò l'uccise.

CAMÈNE
Antiche divinità latine che davano predizioni. Erano fatte offerte di latte e acqua.

CAMILLO
Con questo nome i Romani chiamavano i bambini che assistevano i sacerdoti durante il rito.

CARDA
Dea che aveva il compito di proteggere di notte le case per tenere lontani i vampiri Striges, si occupava anche della salute presiedendo al benessere del cuore e dell'intestino.

CARNA
Divinità Romana degli inferi e dei riti funebri. Curava le malattie dei muscoli.

CARRI DEL SOLE E DELLA LUNA
Il concetto della Luna e del Sole come carri. Gli antichi immaginavano che questi corpi celesti erano dei carri che volavano nel firmamento. L'idea del carro del sole e della luna si ritrova nella cosmogonia di molti popoli, quali: Egizi, indiani d'America, germanici, Indiani, Israeliti, Greci, Romani ecc. ecc..

CATIO o CAUTO
I Romani invocavano questa divinità per avere il dono dello spirito e della sagacia.

CELESTE
dea punica, adorata a Cartagine con il nome "Tanit", denominata, nell'epoca imperiale romana, "Caelestis". Da Cartagine Eliogabalo fece portare nell'Urbe il suo simulacro, per poter celebrare le nozze tra la dea e il suo dio solare di Emesa.
fontana di cerere

CERERE
Fu presso i Romani la divinità della vegetazione dei cereali e dei lavori agricoli. Fu associata alla Demetra dei Greci.

CLAVIGERO
epiteto di Giano, dio delle porte; dell'Amore, custode del talamo di Venere, secondo quanto narra Euripide; di Ercole, portatore di una clava.

CLITÙNNO
Fiume dell'Umbria, presso le sue fonti sorgeva un tempio dedicato al dio fluviale, che rendeva oracoli.
tempio della concordia

COLLINI
Sacerdoti Romani, istituiti da Servio Tullio. Furono anche detti Quirinali, perché il loro tempio era sul Quirinale.

CONCORDIA
Figlia di Giove e di Tèmi e ovviamente sorella della Pace. Presiedeva alla unione delle famiglie, dei cittadini e delle case.

CONSENTI DEI
I Romani avevano il culto di dodici grandi divinità, chiamate dèi noti o dèi consentes, essi erano:
I Maschi Le Femmine
Giove Giunone
Apollo Diana
Marte Venere
Nettuno Minerva
Mercurio Cerere
Vulcano Vesta
Questi dèi riconosciuti massimi, avevano come contrapposti gli dèi ignoti.

CONSEVIO
Divinità di origine Romana che presiedeva al concepimento umano.

CÒNSO
Divinità Latina protettrice della terra e dell'agricoltura.

COPIA
Dea Romana dell'abbondanza, identificata con la greca Amaltea. Era spesso confusa con la dea Fortuna, errore dettato dal fatto che entrambi le dee avevano le cornucopie come attributi.

CÙBA
Presso i Romani era la divinità che si occupava di conciliare il sonno ai bambini.

CULTO DEGLI ANTENATI
diffuso presso quasi tutte le civiltà più o meno antiche, è radicata la credenza di una continuazione della vita dopo la morte e della possibilità per i defunti di influire su chi ancora vive. Da ciò, e dall'importanza socio-culturale che riveste la struttura della famiglia nella sua continuità, sorgono il culto degli antenati ed i relativi rituali di venerazione e propiziatori. Tutti gli antichi popoli del Mediterraneo conobbero il culto dei defunti, che venivano considerati esseri transumanti, sorta di deità minori a protezione del focolare domestico. Dai culti primitivi si sviluppò presso i Greci il culto degli eroi, e presso i Romani il culto dei Mani. Il culto degli avi ha parte importante nello Scintoismo giapponese e nella religione popolare cinese.

CULTRARI
Nome degli assistenti dei sacerdoti durante i sacrifici.

CUNINA
Dea che vigilava le culle dei bambini e in particolare il riposo dei pargoli.

CÙRA
Dea romana dell'inquietudine.

DEA SIRIA
nome dato dai Greci e dai Romani alla dea Atargatis adorata a Ierapolis e il cui culto era diffuso in tutta la Siria e nei paesi del Mediterraneo orientale. Era invocata dai Fenici col nome di Astarte.

DECIMA
Dea preposta all'assistenza delle donne gravide.

DÈCUMA o FATA
Era una delle Parche latine. Le altre erano: Nìna e Mìrta.

DEVERONA
Divinità latina, chiamata anche Devèrra, si occupava di proteggere la casa e le proprietà, di assistere alla nascita dei bambini e alla pulizia.

DIALE
Sacerdote addetto al culto di Giove.

DIANA
Diana con seguito di Ninfe
Dea della luna e della caccia protettrice dei boschi e della selvaggina, col nome di Lucina proteggeva le donne partorienti. Era pure invocata dagli schiavi e dalla plebe per averne protezione.
diana
Era identificata con la Greca Artemide. Nei pressi del suo santuario vicino Ariccia: nel bosco sacro di Nemi, si svolgeva la cerimonia della successione del "Rex Nemorensis", il sacerdote preposto al culto della dea; a tale carica assurgeva uno schiavo fuggitivo che fosse riuscito a uccidere il predecessore in duello. Nelle figurazioni artistiche di solito appare come una giovane cacciatrice, spesso con arco e frecce. Accanto una delle favolose fontane della Reggia di Caserta (Opera del Vanvitelli), dove vediamo la dea con al seguito le Ninfe.

DIDONE

Come racconta Timeo, Didone in origine si chiamava Elissa, sposa di Sicarba e figlia di Muttone, re di Sidone. Quando il padre morì, lasciò il regno in parti uguali a lei e al fratello Pigmalione. Il fratello avido di potere, uccide e mantiene segreta la morte di Sicarba, sacerdote del dio Melkart. Una notte Sicarba appare in sogno alla moglie e racconta come il fratello di lei l'aveva ucciso, allora Didone temendo di essere uccisa a sua volta, carica tutti i suoi tesori su una nave e con un gruppo di fedeli fuggì, approdando in Africa settentrionale. Accolta benevolmente, Elissa fu dagli indigeni chiamata Didone. Le posero la condizione che poteva acquistare tanto terreno quanto ne poteva circondare una pelle di bue, allora Didone la tagliò a strisce così sottili da coprire una vastissima fascia di terreno. Quindi procedette a costruire una città che chiamò Cartagine, presto la città allacciò rapporti commerciali con altri popoli e divenne molto potente. Didone così divenne un partito molto ricercato fra i principi locali, considerando che era la Sovrana di Cartagine. Ma la donna volendosi mantenere fedele al ricordo di Sicarba, rifiutava tutti i pretendenti, finché il più forte Giarba di Massitania, non le dà un ultimatum: o lo sposa, o lui gli farà guerra. Allora Didone con la scusa di fare un ultimo sacrificio funebre a Sicarba, si getta nel rogo ardente, eliminando cosi il pericolo di guerra alla città e mantenendosi fedele al marito. La versione più nota della storia di Didone è raccontata nell'Eneide di Virgilio. Secondo Virgilio, il principe troiano Enea fece naufragio sulle rive di Cartagine dopo essere sfuggito alla distruzione di Troia con il padre, il figlio e i compagni. Didone, che si era votata alla castità dopo l'uccisione del marito, accolse benevolmente i troiani e si innamorò di Enea; i due divennero amanti, ma non poterono restare insieme perché Giove intervenne, ricordando a Enea che doveva ripartire per proseguire nella sua missione e fondare Roma. Alla partenza di Enea, Didone, disperata, si uccise gettandosi su una pira funebre. Leggi la splendida lettera che Ovidio le fa scrivere ad Enea

DINA
Ercole la liberò da Càco. Era figlia di Evandro.

DITE
Divinità Latina degli inferi. Era figlio di Saturno e di Opi.

DOLICHENO
Divinità Ittita, equivalente a Giove. Era raffigurato come uomo barbuto, sopra un toro con un fulmine in una mano e una bipenne nell'altra.

DOMICIO
Divinità Romana, era pregata affinché la sposa non abbandonasse la casa.

DRAGO

o dragone, mostro favoloso che si ritrova in tutte le antiche mitologie. Rettile alato con ali di pipistrello, con testa di cane, zampe di leone, e bocca con una o più lingue che vomita fuoco e fiamme. Nella letteratura e nell'arte cinese, è uno degli elementi più comuni, ed è considerato un essere benefico. Nella tradizione occidentale, invece, è generalmente identificato con un'entità malvagia e nemica dell'uomo, che solo un eroe può sconfiggere. Secondo la mitologia greca, trainava il carro di Cerere, e un drago dalle cento teste custodiva l'ingresso dell'Orto delle Esperidi e il Vello d'oro. Nella mitologia nordica e germanica, il Lindwurm, stava a custodia del tesoro dei Nibelunghi, finché non fu ucciso da Sigfrido. Nelle antiche leggende cristiane e cavalleresche è una delle incarnazioni del demonio: lo si raffigura lottante e sopraffatto dall'arcangelo Michele e da s. Giorgio.

DUBIA
Era la dea Fortuna, che a Roma era chiamata anche col nome sopra.

DUELLONA
Altro nome della dea Bellona.

EDITUO
Presso i Romani era il custode del tempio. L'Edituo abitava nel tempio e si occupava della conservazione dei testi sacri, dei valori e faceva da assistente nei riti.

ÈDUCA
Divinità che si occupava dell'educazione dei giovani.
ÈDULA
Divinità Romana che si occupava delle carni commestibili. Altri suoi nomi erano: Edùlia, Edùsia.

EGERIA
Ninfa delle acque e delle sorgenti, era protettrice delle puerpere, abitatrice di una fonte del Lazio, amica e consigliera di Numa Pompilio, la cui legislazione era stata da lei ispirata. Onorata a Roma in una grotta ove sgorgava una fonte presso la Porta Capena. Un'altra tradizione narra che Egeria sarebbe stata presente in una fonte del bosco sacro a Diana presso Aricia. Altra tradizione la voleva ancora, abitante di una fonte del bosco di Nemi, sacro a Diana, presso il lago di Nemi.

EQUITÀ
Dea della correttezza nel campo finanziario e monetario. I Romani la chiamavano Aequitas.

ERCOLE
Nome romano di Eracle.

ERSILIA
Sposa di Romolo. Dopo la sua morte le furono tributati onori divini col nome di Ora Hora Quirini.

EVANDRO
Figlio della ninfa Carmenta e di Mercurio. Re laziale della città di Pallantèa. Ospitò Eracle che liberò il suo territorio dal terribile Caco.

FABIO
Figlio che Eracle ebbe da una figlia di Evandro, quando fu suo ospite. Fu il capostipite della gente Fabia.

FABULINO
Nome del dio Romano che educava i bambini a pronunciare le prime parole.

FAMA
Fama, presso i Romani, divinità annunziatrice, e messaggera di Giove. Fama, immaginata come una donna sempre in moto, gridava continuamente e dappertutto notizie buone e cattive, era figurata giovane e irruente con ali cosparse di occhi, di bocche e di lingue, e in atto di suonare una tromba, oppure due (una per la verità, l'altra per la menzogna).

FAME
Demone personificazione della fame. Abitava l'ingresso dell'Ade in compagnia del Bisogno, dei Morbi e della Paura.

FANUM
Riferito ai sacerdoti di Bellona e Cibele che durante i riti con danze e autolesioni cadevano in trance.

FAS
I Romani con questa parola indicavano la volontà divina data dall'oracolo. Fas è tutto ciò che è lecito, Nefas invece tutto ciò che è illecito.

FASCINO
Con Fascinum i Romani intendevano un incanto malefico simile al nostro malocchio. Come protezione da tale iettatura si portavano amuleti, il più usato era il segno fallico di Priapo, detto Fascinus. L'amuleto era appeso al collo dei bambini.

FATO
Divinità superiore agli dèi, alla quale nessuno può sfuggire e disubbidire. Gli dèi altri non erano che dei collaboratori del Fato e nulla potevano fare per cambiarne le decisioni. I Greci personificarono il Fato, nelle Moire. I Romani nelle None e Decume.

FAUNO e FAUNA
Divinità pastorali, i loro figli erano i Fauni, demoni silvestri pelosi e dall'aspetto caprino. Fauno era adorato come dio campestre che difendeva le greggi dai lupi, capace di incutere terrore.

FAUSTOLO
Nome del pastore che raccolse Romolo e Remo.

FEBRIS
Divinità personificazione della febbre Febris era specializzata in febbri normali e febbri malariche.

FEBRUO
Divinità patrona del mese di febbraio e delle purificazioni.

FECIALI
sacerdoti che avevano compito simile a quello degli araldi di guerra. Generalmente erano destinati a dichiarare la guerra ed a presiedere ai trattati di pace. Quando un popolo offendeva la Repubblica, il feciale si recava da questi a chiedere di riparare all'onta, in caso contrario concedeva 33 giorni per riparare all'offesa, trascorsi infruttuosamente, il feciale rompeva liberamente la pace. Quindi tornava allora sul territorio nemico, e vi lanciava una lancia insanguinata, dichiarando guerra con cerimonie religiose.

FECUNDATIS
Dal nome si può immaginare che presiedeva alla fecondità, però a quella femminile.

FEDE
Divinità che personificava la lealtà e l'onestà nella vita pubblica e privata.

FELICITÀ
Personificazione della buona sorte, protettrice dell'imperatore.

FERENTINA
Divinità Latina delle fonti.

FERETRIO
epiteto di Giove Capitolino, quando i condottieri vittoriosi gli offrivano durante una cerimonia sacra i bottini di guerra.

FERONIA
Dea latina dei boschi, degli orti e delle fonti. Gli schiavi liberati andavano nel suo tempio a prendere il cappello che li contrassegnava come liberi.

FESSONIA
Era la dea che era invocata dai viaggiatori stanchi, per essere aiutati. Inoltre si occupava di quelle malattie cachetizzanti.

FLAMINI
Collegi Sacerdotali specificamente addetti al culto di determinate divinità. Inizialmente furono tre soli; il flamine di Giove, quello di Marte e quello di Quirino; poi arrivarono a quindici. Particolarmente importanti i Flamini romani facenti parte al collegio dei Pontefici e composto da quindici Flamini, tre maggiori e dodici minori. I primi tre furono istituiti dal Numa Pompilio ed erano il flamine di Giove flamen Dialis (andava fuori preceduto da un littore, aveva la sedia curule o da senatore, l'anello d'oro, ed un posto in senato. Non poteva salire a cavallo, né giurare, né toccare fave od edera o carne cruda, e gli era vietato vedere lavorare la gente; laddove quando passava per le strade, un araldo lo precedeva per avvisare gli operai che sospendessero i loro lavori. Aveva il potere di assolvere i colpevoli che erano da lui incontrati per la via.), quello di Marte e quello di Quirino, divinità considerate molto importanti: Giove era identificato col cielo e le forze che esso liberava, Marte esprimeva la potenzialità guerriera, Quirino era noto anche come Romolo, fondatore della città di Roma. I flamini minori attendevano al culto di altrettante divinità, eccone un'elenco incompleto: Volturno, Pale, Furrina, Flora, Falacro, Pomona, Vulcano, Cerere, Carmenta, Portumno.
Flora farnese

FLORA
Divinità dei fiori, della gioventù e delle partorienti. Durante la sua festa (Floralia) le fanciulle che la celebravano a un certo momento della festa dovevano spogliarsi del tutto nude.

FLORO
Era l'equivalente maschile della dea Flora.

FLUONIA
Questa dea aiutava le donne fin dal menarca, per seguirle nelle mestruazioni e nella eliminazione dei lochi.

FORCULO
Dio che si occupava della custodia delle porte, compito che assolveva assieme a Cardèa e Limèntico.

FORNACE
Dea protettrice dei forni per la panificazione.

FORTUNA
Dea dispensatrice di beni e di mali, arbitra delle sorti umane.

FURRINA
Dea romana simile alle Furie, aveva un tempio sul Gianicolo.

GÈNI
nella religione romana, spiriti o divinità secondarie considerate custodi delle sorti delle famiglie e dei singoli, di cui costituiscono il principio vitale. Il genius corrisponde al genètlio o daimon dei greci ed a spiriti di vario tipo, il cui culto era diffuso presso i popoli dell'antichità. I Romani lo ritenevano uno spirito buono, una specie di angelo custode che nasceva e moriva con l'individuo, lo accompagnava e ne dirigeva le azioni nel corso dell'intera vita. Uscendo dall'ambito familiare, dove era particolarmente venerato il genio del pater familias, in epoca imperiale il culto acquistò dimensione pubblica: si attribuì un genio protettore anche ai luoghi (genius loci), rappresentato per lo più sotto forma di serpente, immagine che imponeva il rispetto del luogo; fu venerato il genius populi romani in figura di giovinetto; con Augusto venne istituito il culto del genio dell'imperatore vivente. Iuno era lo spirito tutelare femminile che accompagnava ogni donna. Per estensione, il termine genio è impiegato per indicare anche figure minori presenti in varie mitologie, spiritelli a carattere benevolo o malevolo, collegati alla natura e ad aspetti dell'esistenza (geni della foresta, dei fiumi, dell'amore, della fecondità, ecc.).

GIANO
In latino Cancello o barbacane. Dio romano del principio, della forza dei cancelli e di ogni passaggio. Raffigurato con due volti (a volte anche quattro)che guardano in direzioni opposte. Appare raramente nei miti. Ovidio ci narra la storia della ninfa Carna, la quale ingannava i suoi spasimanti inducendoli ad entrare in una caverna con la promessa di raggiungerli poco dopo e di giacere con loro: ed invece fuggiva rapidamente. Con Giano questo trucco non funzionò in quanto il dio la vide con l'altro volto, perciò fu costretta a concedergli i suoi favori, in cambio ebbe da Giano il dono di potere allontanare gli incubi della Notte, potere che usò per salvare il figlio Proca (futuro re di Alba Longa). Quando Tarpea tradì i Romani nella guerra contro i Sabini, Giano fermò i nemici allagando il passaggio. Ospitò Crono quando fu scacciato dall'Olimpo. Quale bifronte considerato che una faccia guarda avanti e l'altra dietro (quindi Futuro e Passato) considerato un dio del tempo e anche dio del sole (Levante e Ponente) e considerando che i movimenti del sole erano figurati come dei passaggi Giano divenne pure dio delle porte. Era figurato con una grande chiave in mano ed un bastone.

GIOVE
In origine dio e re del cielo, Giove era venerato come dio della pioggia, del tuono e del fulmine. Con Marte e Quirino formò la triade della religione romana. Dio del cielo e della luce, protettore dello Stato romano. Divenuto dio del trionfo e della vittoria, tutti i generali vittoriosi si recavano al suo tempio per deporre l'alloro della vittoria. Protettore del bene tutelava il diritto e la fede, dispensatore di pioggia e di cibi. I suoi attributi erano: l'aquila e la quercia.
Giove e Teti Giove e Teti
Nella mitologia romana era il padre degli dei, figlio del dio Saturno. Con l'epiteto di Iuppiter Fidius era il custode della legge, il difensore della verità e il protettore di giustizia e virtù. Come protettore di Roma veniva chiamato Iuppiter Optimus Maximus ("il migliore e il più grande") I Romani lo identificarono con Zeus. Numerosi sono gli altri suoi epiteti: Lucezio quale divinità della luce, Summano quale dio del cielo notturno, Pluvio come dispensatore della pioggia, Libero come dispensatore dei cibi, Termino o Terminale quale dio dei confini, Statore in quanto induceva alla fermezza, Victor perché guidava alla vittoria. Anche le città avevano ciascuna il suo Giove particolare: Preneste il Giove Arcano, Tuscolo il Giove Maggiore, Lavinio l'Indigete, i Volsci il Giove Anxurus, e più tardi, con l'espandersi dell'impero romano, il Dolicheno, l'Eliopolitano, il Giove Ammone, ecc. Erano sacre a Giove l'aquila e la quercia, come pure le idi di ogni mese (feriae Iovis), quando gli si sacrificava una pecora bianca. Era rappresentato maestoso nell'aspetto, barbuto, semiammantato, con l'aquila ai piedi e i fulmini in mano, qualche volta anche con lo scettro.

GIUNONE
Identificata con la Greca Era, fu sorella e sposa di Giove. Giunone era una divinità lunare, dea della fecondità, del matrimonio e della fedeltà coniugale, protettrice della purezza e della castità delle spose, assistente ai parti. Era la protettrice delle donne e fu venerata con nomi diversi. Come Iuno Pronuba presiedeva al matrimonio, come Iuno Lucina aiutava le donne nel parto e come Iuno Regina era la particolare consigliera e protettrice dello stato romano. Le erano sacre le oche e le giovenche bianche. Rappresentata come donna di grandissima bellezza e di grande dignità reale.

GIUTURNA
Divinità delle fonti e delle sorgenti, moglie di Giano e madre di Fonto.

GRADIVO
Così era chiamato Marte nella sua invisibilità quando precedeva gli eserciti nella loro marcia di guerra.

GRAZIE
Nome latino delle greche Cariti. Erano le tre dee della gioia, del fascino e della bellezza. Figlie di Zeus e della ninfa Eurinome, si chiamavano Aglaia ("splendente"), Eufrosine ("gioia e letizia") e Talia ("portatrice di fiori"). Le Grazie presiedevano ai banchetti, alle danze e ad altri piacevoli eventi sociali, e diffondevano gioia e amicizia tra dei e mortali. Accompagnavano principalmente le divinità dell'amore, Afrodite ed Eros, e assieme alle muse cantavano per gli dei sul monte Olimpo e danzavano al suono della lira del dio Apollo.

HERENTAS
Per gli Oschi era una divinità simile a Venere.

HONOS
Divinità raffigurante l'Onoratezza, insieme a Virtus (il Valore) era associato al culto di Marte.

HONTUS JOVIUS
Dio italico del Cielo venerato in Umbria. Menzionato nelle tabulae iguvinae le sette tavole di bronzo ritrovate nei sotterranei del teatro romano di Gubbio.

HYGIA
Divinità equivalente alla greca Igea spesso confusa con Salus.

HYPNOS
Dio del Sonno era fratello gemello di Thanatos, la morte. Figlio della Notte, Hypnos era un dio benefico e dava il meritato riposo facendo uso della sua verga magica. I Romani lo chiamarono Somnus.

IGNOTI DEI
I Romani nel loro scrupolo religioso per paura di non avere compreso nella lunga lista qualche divinità, usavano adorare gli dèi Ignoti, divinità che comprendeva tutte quelle che sconoscevano e quindi facendo sacrifici al dio Ignoto, evitavano di fare offese a quella divinità eventualmente sconosciuta. Vedi Consenti dèi.

IMPORCITOR
Divinità minore dell'agricoltura, si occupava di tutti quei lavori che venivano dopo la semina.

INCUBO
Appellativo di Fauno e personificazione dei sogni cattivi e angosciosi, si credeva fossero provocati da contatti anche sessuali con un essere demoniaco.

INDIGETI
I romani distinguevano le loro divinità in dèi indigeti (Indigeni) e dèi novensides (Immigrati). Non esiste un criterio per questa distinzione perciò il campo è aperto a tutte le speculazioni degli esperti, ma nessuna soddisfa a pieno. C'è chi vede negli indigeti gli eroi divinizzati (usanza greca), altri vedono i novensides come gli dèi consentes (usanza greco-etrusca) Sta di fatto che i romani per le divinità novensides erano di larga manica e per gli indigeti qualche divinità ebbe l'appellativo anche individualmente quale l'Agonium Indigetis identificato con Sol Indiges che aveva un tempio sul Quirinale.

INDIGITAMENTA
Erano le formule sacre che erano usate per invocare correttamente le varie divinità. Era convinzione che se la formula non fosse stata formulata correttamente o non fossero recitati tutti gli epiteti del dio, il dio non avrebbe ascoltato o avrebbe fatto finta di non sentire o non si sarebbe commosso. Chiamandolo invece come si doveva il dio era costretto a intervenire. Perciò era compito del Pontefice Massimo dettare queste formule al sacrificante, magistrato o sacerdote che fosse. Le formule erano custodite gelosamente perché si credeva che se cadessero nelle mani dei nemici potevano usarle per invocare gli dèi contro gli stessi romani.

INFERI DEI
I Romani con questo nome intendevano tutte quelle divinità sotterranee quali: Ade, Tartaro, Averno, Carna, Larenta, Laverna e Tarpea. In contrapposizione con le divinità celesti Dèi Superi e con le divinità della terra divinità ctoniche. Dispater regnava il mondo sotterraneo sua sposa era Proserpina. Il regno degli Inferi era popolato da: Lemuri, Lari, Larve, Genii e Mani.

INFERIE
nella religione dei Romani, i sacrifici, le vittime e le offerte che si dedicavano agli dei sotterranei e ai Mani. Le offerte venivano generalmente deposte sulle tombe.

INFERNO
L'Inferno romano rispecchiava l'Ade dei Greci, per cui era la dimora dei morti e non necessariamente luogo di pena, infatti, potevano esserci prati, fiumi, boschi e buoni e cattivi potevano convivere. Successivamente furono introdotti i Campi Elisi che facevano lo stesso parte dell'Inferno.

INSITOR
Divinità agricola minore, suo compito era proteggere la semina.

INTERCIDONA
Divinità che tutelava e proteggeva tutti i lavori che si fanno con la scure. Nel parto delle gravide presiedeva al taglio del cordone ombelicale.

IUVILA
Re degli dèi degli Oschi. Simile a Giove.

LACTURNO
Divinità latina che presiedeva alla conservazione della biada e alla prosperità.

LARA
Ninfa chiacchierona ( rivelò a Era (Giunone) gli amori di Zeus con Giuturna) figlia del fiume Almone, gli dèi per farla tacere incaricarono Mercurio di portarla negli inferi (ne sarebbe divenuta la dea), ma per strada il dio approfittò della ninfa rendendola madre dei Lari.

LARI
Assieme a Vesta e ai Penati, facevano parte a quelle divinità del culto familiare. A lato l'immagine di un Larario

LARUNDA
Misteriosa e antica divinità sabina assimilabile a Lara e quindi considerata madre dei Lari.

LARVE
Erano gli spiriti dei morti che in vita erano stati malvagi. Tormentavano e spaventavano i vivi, per tenerle lontane dalla casa in capofamiglia a mezzanotte per nove volte spargeva delle fave nere davanti la porta di casa.

LATERCULO
Dio del focolare.

LATTURCINA
Dea del Grano che secondo i Romani si occupava di fare formare le spighe.

LAVERNA
Dea probabilmente infernale, protettrice dei profitti leciti e non, dei ladri e truffatori e delle selve. I suoi luoghi di culto si trovano in boschi mal frequentati e dall'atmosfera sinistra.

LAVINIA
Figlia del re Latino e seconda sposa di Enea. Enea giunto alle foci del Tevere riconosce che quella è la terra destinatagli e stringe alleanza con il re del posto, Latino, per suggellare l'alleanza ne sposa la figlia Lavinia. Ma già incomincia a maturare la guerra che vedrà i troiani contro i latini, guidati da Turno, re dei rutili e anche lui pretendente di Lavinia (Virgilio, Iliade VII).

LEMURI
Erano le anime dei morti.

LETTISTERNO
banchetto sacro che si teneva in tempi di calamità, per placare lo sdegno del cielo. Durante questa cerimonia le statue degli Dei venivano tolte dai piedistalli e poste su letti messi intorno ad una tavola apparecchiata nel tempio, e offrivano loro a spese della Repubblica un lauto banchetto. I cittadini stessi tenevano tavola aperta a tutti, e invitavano indistintamente amici e nemici, poveri e ricchi, ecc. La cerimonia mirava a distrarre l'attenzione del popolo dallo spettacolo disastroso delle pubbliche calamità. Il primo lettisterno indicato dalla storia durò otto giorni, e fu celebrato nel 400 a.C., in occasione di una pestilenza che devastava Roma. Possiamo credere che il rimedio deve essere stato peggiore del male.

LEVANA
dea romana protettrice dei neonati.

LIBERO e LIBERA
Divinità italiche della fecondità, Libero era anche il dio della Vite.

LIBITINA
Divinità che presiedeva ai funerali. Essa deve il suo nome alla libagione che si faceva sulla tomba del defunto.

LUA
Divinità romana che presiedeva alle purificazioni e ai sacrifici espiatori.

LUCINA
Con questo nome le partorienti evocavano l'aiuto e l'assistenza di Giunone.

LUPERCA
Divinità che proteggeva i pastori e i greggi dai lupi.

MAIA
Nome di diversi personaggi:
1) Figlia di Atlante e di Pleione e madre di Ermes;
2) La Maia dei Romani era moglie di Vulcano e annunciava la primavera;
3) La Maia indiana era madre della Trimurti e del dio dell'amore Kamadewa.

MANI
I Romani chiamavano così le anime dei morti, erano gli spiriti purificati divenuti tutelari della famiglia. Avevano culto particolare in famiglia.

MARICA
Ninfa dei boschi ne aveva uno a lei sacro presso il fiume Liri.

MARTE
Dio Romano della guerra, dei campi, degli agricoltori e della vegetazione primaverile. A Marte erano sacri il toro, il picchio, la quercia, il lupo e il cavallo. Le sue armi sono lo scudo e la lancia. Al suo seguito ci sono Pavor e pallor gli dèi rispettivamente della paura e del pallido terrore. Quando il popolo era colpito da carestie o epidemie si offrivano a Marte le primizie della terra, del bestiame e degli uomini per placare il dio. Tra le principali divinità di Roma, era considerato anche il padre del popolo romano, in quanto padre di Romolo, il leggendario fondatore della città; il suo altare si trovava nel Campo Marzio. Augusto attribuì a Marte il titolo di Ultor (vendicatore) e gli dedicò un nuovo tempio. I primogeniti che erano offerti al dio, divenuti adulti dovevano cercare nuovi territori guidati da Marte.

MATER MATUTA
Divinità dell'alba compagna di Giano perché Pater matutinus. Era venerata anche come protettrice delle partorienti.

MATRONE
Dee protettrici delle fattorie. Raffigurate sedute, avvolte in mantelli chiusi sul petto da una fibbia e con ampie cuffie. Erano venerate in tutta la Renania dalla svizzera all'Olanda.

MATUNO TUTUNO
Nella complessa e pignola religione romana, non solo le donne, ma, anche gli uomini avevano un dio che proteggeva la loro fecondità.

MEDITRINA
Dea della medicina.

MEFITIS
Divinità dell'Italia centro meridionale, venerata soprattutto dagli Osci, le erano dedicate le puzzose esalazioni del vulcano. A Roma le era dedicato un tempietto sull'Esquilino. Compito suo era proteggere dai fetidi miasmi.

MELISSA
Figlia di Melisseo, assieme alla sorella Amaltea allevò il piccolo Zeus.
Mercurio

MENA
Dea che proteggeva dalle malattie ginecologiche.

MENTE
Venerata come una divinità era la personificazione della ragione.

MERCURIO
Dio del commercio e protettore dei guadagni. Suoi attributi sono: il cappello alato, il caduceo, il gallo, lo scorpione e la sfinge.

MESSOR
Divinità agricola che proteggeva la mietitura.

MINERVA
Dea delle attività manuali, delle arti e dei mestieri, protettrice dei musici e degli scritturali nonché dei medici e della città di Roma. Identificata con Atena, non ne condivide le caratteristiche guerriere della collega greca. Con Giove e Giunone componeva la Triade Capitolina, venerata in un grande tempio sulla sommità del Campidoglio a Roma.

MINUZIO
Dio che veniva in aiuto nelle piccole necessità della vita.

MORBUS
Come il nome lascia immaginare si tratta della personificazione della malattia.

MURCIA
antica dea romana alla quale era dedicata un'ara posta nel mirteto tra l'Aventino e il Palatino; in seguito venne identificata con Venere a cui il mirto era sacro.

MUTA
Ninfa che generò con Mercurio gli dèi Lari. Era chiamata anche col nome di Tàcita.

MUTINO
Dio della fertilità dei campi.

NASCIO
Dio che si occupava di assistere alla nascita dei bambini. Era detto anche Nazio o Natio.

NENIA
divinità femminile dei Romani, che le avevano eretto un tempio presso la Porta Viminale. Secondo Macrobio, Nenia era uno dei nomi della Morte, a Roma invocata con fervore.

NETTUNO
Inizialmente fu dio delle fonti e delle acque. In seguito acquisì anche il mare e i fiumi divenendo simile al greco Poseidone. Figlio del dio Saturno e fratello di Giove, re degli dei, e di Plutone, dio dei morti. Altra foto, si ricorda che l'immagine è stata gentilmente concessa dall'Assessorato al Turismo Regione Campania - Ente Provinciale del Turismo di Napoli.

NIMBO
Disco luminoso che era posto sul capo delle divinità della luce, quali Elio e Selene. Divenuto in seguito attributo dei santi cristiani.

NONA
Altra divinità che assisteva le donne gravide, vista l'enormità di tali protettrici si può concludere che la vita per le donne gravide non era facile.

NOREIA
Dea protettrice della colonia romana di Norico (grosso modo l'Austria attuale).

NOTODO
Dio romano del grano nel momento un cui la piantina incominciava a mettere rami alla base del fusto.

NOVENSILI
nome con il quale presso i Romani venivano definiti gli dei stranieri importati da città conquistate e ammessi da poco tempo nella religione di Stato. Secondo Varrone sarebbero stati di origine sabina.

NUMERIA
Dea dell'aritmetica.

OBARATOR
Dio agricolo che presiedeva all'aratura delle terre.

OCCATORE
Dio protettore di coloro che spianavano il terreno facendo uso dell'èrpice.

ONORE
Divinità allegorica della comitiva di Marte. Figurato come un giovane armato di lancia nella destra e con una cornucopia nella sinistra. Era particolarmente adorato dai soldati.

OPI
Dea sposa di Saturno, aveva il compito di proteggere la fertilità, la natura, il grano mietuto e posto nei granai. Venerata come grande madre degli dei. Tutelava le montagne e le fortezze. Essendo raffigurata con una corona che aveva la forma delle mura di una città era nota anche come Mater turrita.

ORBONA
Dea romana alla quale era attribuita la morte dei bambini, per cui era invocata dai genitori perché tenesse lontana le malattie dai loro figli. Essa proteggeva gli orfani.

ORCO
Dio romano che rappresentava la Morte.

OSCINES
Con questo nome era designato il gruppo di uccelli dal quale gli aruspici traevano le loro divinazioni. Questi uccelli erano: il gallo, la civetta, il picchio, la cornacchia e il corvo.

OSTIA
Era il nome dell'offerta fatta agli dèi nei sacrifici di animali e a volte di uomini.

OSTILINA
Dea della raccolta della Biada.

PACE
Divinità nata dopo la guerra civile del 44 a.C. che segnò l'inizio di un lungo periodo di pace. La Pace dei Romani non aveva nulla in comune, se non il significato con la Irene dei Greci. Era figurata come giovane donna recante in una mano un ramoscello di ulivo e la cornucopia nell'altra.

PALE
Dea protettrice dei greggi e dei pastori. Da lei prese nome il Palatino, dove abitarono i primi pastori che formarono il primo nucleo di popolazione.

PANDA
A Roma era la dea che teneva libere le strade.

PARCHE
Divinità latine simili alle Moire greche.

PATALENA
Divinità secondaria che presiedeva alla raccolta della biada.

PAVENZIA o PAVENTIA
Divinità romana invocata dalle mamme e dalle balie per liberare i bambini dalla paura. Proteggeva inoltre dalle malattie nervose.

PENATI
Erano i numi tutelari della casa e del focolare. Proteggevano la casa e badavano al suo benessere, ogni famiglia aveva i suoi Penati. Ogni comunità, quartiere e città aveva i Penati ovvero demoni protettori ed erano legati al culto del fuoco sacro di Vesta.

PERTUNDA
Dea protettrice dei matrimoni presiedendo in particolare l'atto della deflorazione, la sua statuetta era messa nella camera nuziale nel giorno delle nozze.

PETA
Divinità alla quale era chiesto il modo di rivolgersi agli dèi per avere il loro aiuto.

PICO
Dio profetico della cerchia di Marte. Giovane bellissimo di lui si innamorarono tutte le ninfe dei boschi e delle sorgenti, ma Pico amò solamente Canente figlia di Giano. Un giorno mentre cacciava incontrò la maga Circe che vedendolo se ne innamora e lo vuole a tutti i costi ma Pico essendo innamorato di Canente, respinge la maga che risentita lo muta in picchio ed ancora oggi l'uccello picchia i tronchi degli alberi perché non riesce a sciogliere l'incantesimo che lo lega a quelle forme.

PIETAS
Personificazione della virtù del compimento dei propri doveri verso gli dèi, lo stato, i genitori e i figli, virtù diversa da quella indicata dalla nostra pietà.

PILUNNO
Dio protettore della casa e propiziatore di numerosa discendenza.
Ade Plutone

PLUTONE
Figlio di Crono e di Rea. Quando i fratelli si spartirono il governo del mondo a lui toccò il mondo sotterraneo. Raramente egli lascia il suo regno per incontrare gli altri dèi, invece incontra spesso Ermes che aveva il compito di accompagnare le anime dei defunti. Plutone andava nel mondo dei vivi per cercare la compagnia femminile. La sua uscita più famosa è stata quella in cui andò a rapire Persefone per farne la sua sposa. Chiamato anche Ade col tempo divenne il nome degli Inferi.

PLUVIO
presso gli antichi Romani, epiteto di Giove in quanto elargitore di pioggia.


Dea che si occupava della maturazione dei frutti e della coltura dei giardini e degli orti. Era sposa di Vertùnno anch'egli dio dei frutti e dei cambiamenti di stagione. Era figurata come giovane donna con in mano una cornucopia piena di ogni sorta di frutta e nell'altra un ramo fiorito. Custodiva le erbe medicinali.

PONTIFICII LIBRI
Libro nel quale era contenuta la lista degli dèi e dei libri che narravano il culto ch'era dovuto alle divinità.

POPI
I Romani chiamavano così gli inservienti dei templi che portavano all'ara sacrificale le vittime.

PORTUNO
Dio protettore delle case, delle porte e di chi entrava ed usciva. In seguito diventò anche protettore dei porti.

POTINA
Aiutava i neonati a bere il primo sorso d'acqua.

PRIAPO
Figlio di Afrodite e di Dioniso. Nato deforme con pancia enorme, lingua lunga e membro mostruosamente smisurato. Nascendo così brutto Afrodite lo rinnegò e lo abbandonò. Lo allevarono dei pastori che dalla sua mostruosità fallica ne avevano tratto dei buoni auspici per la fertilità dei campi e dei greggi. Così Priapo divenne il dio dell'amore pratico e della fertilità delle campagne. Gli era sacro l'asino ed era figurato come vecchio barbuto seminudo con un enorme membro eretto e munito di falce. Proteggeva inoltre gli orti e le vigne dai ladri, dai golosi e dagli uccelli. Ispirò la poesia Priapea dai versi e dai contenuti alquanto sconci. A noi sono giunti all'incirca 80 carmi priapei.


PRODOMEE
Divinità che assistevano alla costruzione degli edifici.

PRÒNUBA
nell'antica Roma, matrona che preparava ed assisteva la sposa durante le nozze. Doveva essere di provata moralità e univira (avere contratto un solo matrimonio e non essere divorziata). Era anche un epiteto di Giunone (dea protettrice del sacro vincolo coniugale).

PROSERPINA
Divinità romana dall'origine incerta, il suo culto si istituì durante una pestilenza presso il Campo di Marte. Non ebbe grande venerazione a Roma e molto rare sono le iscrizioni dove appare il nome della dea che invece appare molto frequentemente nella poesia dove però è identificata con la Persefone dei Greci.

PUDICIZIA
Divinità Romana che presiedeva alla castità coniugale, il suo culto fu associato a quello della famiglia imperiale. A Roma aveva due templi.

PULVINARE
A Roma erano i letti sui quali durante le cerimonie religiose erano sistemate le immagini degli dèi per dare l'impressione che assistessero ai giochi sacri o ai banchetti.

avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e la sua mitologia

Messaggio Da matrona il Lun Nov 08, 2010 10:40 pm

QUIES
Dio romano della Quiete e del Riposo, i suoi sacerdoti erano chiamati Silenziosi.

QUIRINO
Dio sabino a volte confuso con Marte. Diede il suo nome a uno dei sette colli di Roma, il Quirinale. Fu anche identificato con Romolo e quindi venerato come eroe nazionale. A Quirino furono associate le divinità minori Virities Quirini.

REA SILVIA
Leggendaria madre di Romolo e Remo, forse era una dea dei boschi adorata sui colli albani.

REDICOLO
Dio che proteggeva il ritorno. Fu questo dio che indusse Annibale a fare marcia indietro quando fu giunto sotto le mura di Roma.

REX NEMORENSIS
Sacerdote addetto al culto di Diana nel santuario presso il bosco Ariccia. Qui si svolgeva la cerimonia della successione del rex nemorensis (“re del bosco”), a tale carica assurgeva uno schiavo fuggitivo, dopo aver ucciso in duello il predecessore.

REX SACRORUM
A Roma i re oltre al potere politico esercitavano il potere religioso e in tale veste erano chiamati Rex Sacrorum.

ROBIGO
Dio romano che proteggeva il grano dalla ruggine.

ROMA
Dio personificante la città di Roma. In suo onore molte città dell'Asia minore e della Grecia celebravano delle feste per mostrare la loro lealtà alla dominatrice Roma.

ROMOLO E REMO
.Romolo e Remo, eponimi e fondatori di Roma, secondo il mito, fra l'altro intessuto di varie vicende contrastanti fra di loro. I due nomi presuppongono quello di Roma. Il mito narra che Romolo e Remo furono due gemelli nati dagli amori segreti del dio Marte con la vestale Rea Silvia figlia del re d'Alba Numitore. Questo fu spodestato dal fratello Amulio il quale ordinò di abbandonare i due gemelli della nipote Rea Silvia, che furono miracolosamente salvati, allattati da una lupa, quindi allevati dal pastore Faustolo. Divenuti adolescenti i due fratelli si fecero riconoscere dal nonno Numitore che liberarono, uccisero l'usurpatore Amulio e decisero di fondare una città presso il Tevere. Presi gli auspici, risultarono migliori quelli di Romolo che tracciò il solco della città quadrata sul Palatino. Remo derise l'opera del fratello e sacrilegamente contaminò il pomerio saltando il solco della cinta, e fu perciò ucciso dal fratello.

Secondo Diodoro Siculo Biblioteca Storica VIII 6, 1 e seguente - Romolo, nel procedere alla fondazione di Roma, fece subito circondare il Palatino da un Pomerio, affinché nessuno dei vicini pensasse di poterlo distogliere dai suoi propositi. Remo invece, poiché sopportava malvolentieri di essere stato scalzato dal primo posto ed era invidioso della buona sorte del fratello, recatosi presso i costruttori, screditava il loro lavoro: fece infatti presente che il fossato era stretto e che la città sarebbe stata mal sicura, poiché i nemici sarebbero facilmente penetrati al suo interno. Ma Romolo, pieno di collera, così replicò: «Ordinerò a tutti i cittadini di difendersi da chiunque cerchi di varcare il fossato». Remo, coprendo d’insulti i costruttori, di nuovo disse che stavano approntando un fossato troppo esiguo. I nemici lo avrebbero in effetti scavalcato in futuro senza problemi e lui stesso infatti poteva far ciò con facilità. E, mentre così parlava, oltrepassò il fossato. C’era lì un certo Celero, uno dei costruttori, il quale gli rispose: «Io però, sulla base dell’ordine del re, devo respingere chi scavalchi il fossato». E, nel dire ciò, estrasse la spada e, colpito Remo alla testa, lo uccise.

Romolo, rimasto solo re della nuova città, per ingrandirla aprí sul Colle Capitolino un asilo dove affluirono gli indesiderati delle altre città, quali avventurieri, ladri, assassini e quanto altro di corrotto c'era. Col ratto delle donne della tribù dei Sabini che abitava il vicino Quirinale dette loro mogli e assicurò la discendenza. A Romolo la leggenda attribuisce una serie di guerre, di conquiste esterne e la fondazione e il consolidamento dello Stato. Egli sarebbe stato assunto tra gli Dei col nome di Quirino, scomparendo miracolosamente durante un temporale; altre fonti della leggenda che lo rappresentano come orribile tiranno precisano che fu ucciso e tagliato a pezzi dai senatori. Collegato con la tradizione della morte violenta o della scomparsa di Romolo, era un luogo presso il comizio segnato con un lapis niger.

ROSARIE
I romani celebravano queste feste in onore dei defunti e durante le quali erano distribuite ai presenti delle rose che poi erano sparse sulle tombe. Queste feste erano chiamate anche Rosalie.

RUMINA
Divinità che proteggeva le greggi nella stagione dell'allattamento.

RUNCINA
Dea romana della mietitura e del taglio del fieno.

RURINA
Divinità protettrice dei campi.

RUSORE
Altra divinità protettrice dei campi.

RUSTICI
Soprannome delle divinità dei campi.

SACELLO
Nome che era dato ai luoghi consacrati e recinti allo scoperto con al centro l'altare.

SACRA
Termine che era dato alle festività religiose.

SACRARIO
era chiamato sacrario il luogo destinato alla conservazione degli oggetti sacri.

SALACIA
Dea del mare mosso ritenuta moglie di Nettuno.

SALUS o SALUTE
divinità della mitologia romana preposta alla salvezza pubblica e privata a cui venne dedicato un tempio sul Quirinale. Fu in seguito (293 a.C.) identificata con la dea greca Igea, connessa col culto di Asclepio.

SATURNO
Divinità romana identificata con Crono. Dio dell'agricoltura. La leggenda narra che Saturno spodestato da Giove approda sulle coste del Lazio dove è accolto da Giano, per sdebitarsi dell'ospitalità Saturno insegna al popolo i segreti dell'agricoltura. Giano per ricambiare a sua volta divise il suo regno con Saturno. Sua sposa era Opi, dea dell'abbondanza; suoi figli erano, Giove, re degli dei, Giunone, dea del matrimonio; Nettuno, dio del mare; Plutone, dio dei morti; Cerere, dea del grano. Nelle figurazioni artistiche, Saturno di solito compare con la barba, reggendo una falce o una spiga di grano.

SCABIES
Il nome è tutto un programma. Divinità che presiedeva alle malattie della pelle.

SCHADAPRA
Questa divinità proteggeva dai morsi di serpente.

SECESPITA
Era il coltello triangolare a base larga e con manico cilindrico che i romani usavano nei sacrifici.

SEGEZIA
Divinità dei campi, invocata durante la maturazione delle messi. Era chiamata anche col nome di Segesta.

SEIA
Divinità dei campi invocata durante il periodo della germinazione sotterranea dei semi.

SEMITALI
Divinità che custodivano le strade. Oggi occorrerebbero per i cavalcavia autostradali.

SEMO SANCUS DIUS FIDIUS
Divinità della cerchia di Giove, era garante nei giuramenti, nei patti e nei matrimoni. Il suo nome è dato dalla fusione di Dius Fidius e di

SENIO
Dio protettore della vecchiaia.

SENTINA
Dea che aveva il potere di ispirare agli uomini i sentimenti e i pensieri. Era chiamata anche col nome di Sènzia.

SENTINUS
questo dio proteggeva le gestanti nel parto e in particolare assisteva nel risveglio dei sensi.

SERAPIDE
Inizialmente era un dio del mare, in seguito divenne anche protettore della fecondità, della medicina e anche re dei morti nel Tartaro. Ritenuto l'incarnazione del toro sacro Api, il suo culto era associato a quello di Osiride.

SIBILLE
Vergini che avevano avuto dagli dèi il dono del vaticinio.

SILVANI
Divinità inferiori dei campi e delle foreste, erano confusi coi Satiri e coi Fàuni a causa del loro aspetto, in quanto anche i Silvàni avevano gambe caprine e due corni in fronte.

SILVANO
Dio che custodiva gli armenti, i campi e la loro fecondità. Era figurato come vecchio con una corona di pino sulla testa, un ramo della stessa pianta e una forbice da giardiniere nell'altra con accanto un cane. Difendeva le greggi dagli attacchi dei lupi che spaventava con urli bestiali. Dal suo culto erano escluse le donne.

SOMNUS
Dio del Sonno era una divinità benefica e dava il meritato riposo facendo uso della sua verga magica. I Greci lo chiamavano Hypnos.

SPES
Era la dea della speranza quindi la personificazione dell'attesa fiduciosa di lieti eventi. Figurata come una ragazza in piedi con un fiore in mano.

SPINOSA
Divinità latina dei campi, era invocata per liberare le messi dalle spine.

STATA
Divinità romana invocata in aiuto al sorgere di incendi.


STATANO
Divinità che aiutava i bimbi ad avere forza sulle gambe e quindi a camminare speditamente.

STERCUZIO
Chiamato anche Sterculo era il dio della concimazione dei campi.

STIMULA
Divinità preposta all'assistenza delle donne gravide, stimolando la nascita del bambino.

STRENIA O STRENUA
Dea sabina che proteggeva la salute pubblica e lo scambio di doni per capodanno. L'usanza risale a Tito Tazio che ad ogni anno nuovo usava offrire rami tagliati dal bosco sacro a Strènia, da ciò viene il nome di strenne. Era chiamata anche col nome di Strenua e come dea della salute pubblica fu sostituita da Igea.

SUBIGO
Divinità minore latina che assisteva al matrimonio.

SUCCUBI
Sogni che prendevano la forma di donna.

SUMMANO
Figura mitologica romana, dio dei fulmini notturni. Gli fu edificato un tempio nel 275 a. C. ca, presso il Circo Massimo.

SUPERI
Erano gli dèi contrapposti agli dèi Inferi. Erano chiamati anche dèi del cielo.

TACITA
Divinità nella quale forma è adorato il divino silenzio. Era chiamata anche col nome di Mùta.

TALASSIO
o Talassione, dio romano delle nozze, corrispondente all'Imene dei Greci. Il suo nome veniva invocato e ripetuto a gran voce nelle cerimonie nuziali.

TARPEA
Figlia di Spurio Tarpeio, quando i Sabini guidati da Tito Tazio attaccarono la fortezza capitolina, Tarpèa ottenne di parlare con Tazio e gli propose di consegnargli le chiavi della fortezza in cambio di tutto ciò che i soldati indossavano sul braccio sinistro. Lasciò entrare i Sabini durante la notte costringendo i difensori ad allontanarsi e quando i Sabini ebbero il controllo della collina a Tarpèa furono consegnati gli scudi (indossati sul braccio sinistro dei soldati) che coprendola la uccisero. Tarpèa era anche il nome di una divinità degli Inferi.

TELLUS
Dea della semina e delle messi, ritenuta anche divinità degli Inferi. Fu identificata con Demetra e Cerere e in seguito con la Terra Mater. Chiamata anche col nome di Tellure è raffigurata come donna sdraiata che reca nelle braccia la cornucopia.

TENSA
Era così chiamato il carro riccamente intarsiato d'oro e d'avorio e sul quale erano portati in processione i simulacri degli dèi per le contrade di Roma.

TERMINE o Terminus
Dio custode delle proprietà terriere e dei confini dello stato, vendicatore delle usurpazioni territoriali. Di probabile origine sabina aveva un altare nel tempio di Minerva sul Campidoglio. A lui erano sacre le pietre che segnavano i confini tra le proprietà e presero il nome di Termini, a volte in queste pietre era figurata una testa. Secondo la tradizione, il culto sarebbe stato introdotto da Numa Pompilio. In suo onore si celebravano le feste terminalie. Durante le feste Terminali erano offerte al dio focacce e corone.

TIBERINO
Con questo nome era adorato il dio fluviale Tevere. Ritenuto figlio di Giano fu re di Alba, affogatosi nel Tevere diede il nome al fiume che era chiamato Albula.

TRESTONIA
I Romani che si mettevano in viaggio usavano invocare questa dea se si sentivano stanchi o avevano qualche incidente.

TUTILINA
Divinità romana che si occupava di sorvegliare le messi e i prodotti della terra dopo che erano stati raccolti. In altre parole fungeva da magazziniere.

UTERINA
Mi sembra giusto ricordare agli utenti che i romani nella loro religiosità estrema, avevano un dio per ogni cosa, e questa dea dal nome ci lascia facilmente capire che presiedeva al benessere dell'utero.

VACÙNA
Chiamata anche Vacuàna era la dea che presiedeva al riposo della gente di campagna.

VAGITÀNO
Divinità latina che presiedeva ai primi vagiti dei bambini.

VALÈNZIA
Era il nome sacro di Roma e tenuto nascosto dagli Auguri perché nessuno potesse imprecarlo.

VALETUDO
Divinità che si occupava della salute in genere, diede il nome ai Valitudinari, che possono essere definiti i primi veri ospedali, al contrario di come avveniva negli Ascleipei, nei Valitudinari le cure al malato venivano date dentro il recinto sacro. Ancora oggi per dire di un ammalato cronico si usa definirlo Valetudinario.

VEDIÒVIS
Dio degli Inferi, della malaria, della febbre e dei morbi figurato come uomo con frecce e una capra, forse identificato con Apollo o con il Giove dell'oltretomba. Aveva un tempio sul Campidoglio e sull'isola Tiberina. Il suo nome viene interpretato dai grammatici come «piccolo Giove» o «cattivo Giove»

VENERE
Dea della primavera, protettrice della fioritura nei giardini e negli orti, ma anche dea dell'amore, del desiderio e della bramosia. Identificata con la Afrodite dei Greci. Nel periodo imperiale fu venerata in diverse sembianze: come Venus felix, apportatrice di fortuna; come Venus genitrix era madre dell'eroe Enea, capostipite del popolo romano; come Venus victrix, colei che procura la vittoria; come Venus verticordia, protettrice della castità femminile. E adesso vediamo il controsenso dell'epiteto precedente, Venere era moglie di Vulcano, dio del fuoco e della lavorazione dei metalli, ma gli era spesso infedele. Tra i suoi numerosi amanti vi furono Marte, dio della guerra, il bellissimo pastore Adone e Anchise, padre di Enea. Venere era anche la madre di Cupido, dio dell'amore.

VÈNTI
Figli di Urano e di Gea, erano sotto il dominio di Eolo loro re. Il loro regno era ubicato a Lipari dove Eolo teneva i Vènti racchiusi in una caverna, dopo che avevano arrecato grandi danni alla Sicilia staccandola dal continente.

VERITÀ nella mitologia, dea allegorica dei Romani, figlia di Crono, o di Giove, e madre della Virtú e della Giustizia. Era raffigurata quasi nuda, con in mano uno specchio o una palma.

VESTA o ESTIA
ESTIA (per i greci) o VESTA (per i romani). Primogenita di Crono e di Rea, fu inghiottita e vomitata dal padre come gli altri fratelli (Ade e
Poseidone) e sorelle (Era e Demetra) liberati da Zeus. Era perciò una delle grandi divinità dell'Olimpo dal quale non si mosse mai, al contrario degli altri dei che andavano e venivano per il mondo. Rifiutò l'amore di Apollo e di Poseidone e ottenne da Zeus di serbare eternamente la verginità. Era preposta alla protezione del focolare domestico e il suo fuoco sacro ardeva in tutti i templi. I Romani la chiamarono Vesta.

VERTUNNO
Dio della primavera e della natura. Innamoratosi di Pomona per convincerla a sposarlo si mutò in vecchia e quando con buoni consigli riuscì a convincerla riprese le sue sembianze e si fece sposare. Arrivati alla vecchiaia Vertunno si ringiovanì e ringiovanì pure Pomona senza mai tradirla.

VIÀLI
Divinità latine che si occupavano della custodia delle strade più battute.

VIRBIO
antico dio laziale venerato nel santuario di Diana nel "nemus Aricinum" presso il lago di Nemi, dove poi sarebbe sorta la città di Ariccia. In seguito alla penetrazione delle tradizioni mitologiche greche nel mondo romano, si affermò che Artemide-Diana aveva dato nuova vita a Ippolito, ucciso dai suoi stessi cavalli, facendolo rinascere quale Ippolito-V., il quale fu dapprima affidato da Diana alla ninfa Egeria, poi, sposo della ninfa Aricia, ebbe un figlio chiamato pure Virbio, il quale combatté insieme con Turno contro Enea. Secondo l'interpretazione del Pascoli, il nome deriverebbe da Vir-bis, cioè "uomo-due volte".

VIRGINÀLE
Divinità invocata dai romani quando scioglievano la cintura verginale alla loro sposa.

VIRTUS
Personificazione del valore in battaglia fu assimilata da Bellona. Era solita accompagnare Marte.

VITTORIA
Dea personificante la Vittoria in battaglia, identificata con la greca Nike e figurata come giovane donna alata. A Roma aveva un tempio sul Palatino.

VULCANO

1) Dio del fuoco terrestre e del fuoco celeste e protettore dai fulmini. Col tempo Vulcano fu identificato con Efesto e quindi divenne anche lui fabbro, la sua officina era posta nell'isola dallo stesso nome in prossimità della Sicilia.
2) VULCANO è l'antica Hiera Thermessa o Volcana, che, nella mitologia romana, era la dimora di Eolo, padre dei Venti.

grazie a demon quaid:http://unmondoaccanto.blogfree.net/?t=2447472
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Roma e la sua mitologia

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum