Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.

La ragazza della giungla Banner10

Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...


Unisciti al forum, è facile e veloce

Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.

La ragazza della giungla Banner10

Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...
Zona Onirica
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.

La ragazza della giungla

Andare in basso

La ragazza della giungla Empty La ragazza della giungla

Messaggio Da matrona Dom Dic 12, 2010 5:09 pm

La ragazza della giungla Rochom22107_wideweb__470x3120La ragazza della giungla SvWOMAN_wideweb__470x2990

Rochom P’ngieng è una ragazza cambogiana che nel 2007 suscitò scalpore in tutto il mondo, venendo ritrovata nella giungla dopo 18 anni di lontananza da casa, quando ormai tutti la credevano morta.
Incredibilmente, ella aveva perso ogni traccia di civiltà trasformandosi in un animale a tutti gli effetti: venne catturata da un boscaiolo nel mezzo della foresta; era nuda, sporca, ricurva su sè stessa e del tutto incapace di comunicare a voce, se non per qualche inquietante e scimmiesco grido.
Scomparsa da casa all’età di otto anni, un giorno in cui si era allontanata per portare al pascolo un bisonte, ha fatto ritorno a casa (non di sua sponte, ma riconosciuta dalla sorella che era venuta a conoscenza del ritrovamento) a 26 anni.

Ma ecco che, se la vicenda poteva sembrare affascinante, a questo punto si trasforma in un vero e proprio film.
Oggi, dopo ben due anni di convivenza con lei, i genitori raccontano di aver perso le speranze: la “donna della giungla” (così l’avevano soprannominata i giornali di tutto il mondo) non ne vuol sapere di ambientarsi tra i suoi simili.
Si rifiuta di mangiare ciò che le viene servito, tenta quasi tutte le notti fuggire di casa per poter tornare allo stato brado e, soprattutto, non ha mostrato alcun progresso comunicativo in tutto questo tempo. Vani sono stati anche i tentativi di farla ricoverare in ospedale per le visite mediche.
Ma questo non è un romanzo di Kipling, e non le verrà permesso di tornarsene nella giungla; i parenti stanno contemplando la possibilità di un istituto di carità che possa prendersene cura.

fonte: http://www.ilrock.net/2009/11/la-donna-della-giungla/
matrona
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 35
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.