Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Cyrano De Bergerac - La Catarsi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Cyrano De Bergerac - La Catarsi

Messaggio Da matrona il Mar Feb 16, 2010 12:01 am


ROSSANA: Chi è? Chi è là da basso?

CRISTIANO: Son io!

ROSSANA: Chi io?

CRISTIANO: Cristiano. Vorrei…

ROSSANA: … tirare un sasso.

CRISTIANO: Vorrei parlarvi!

ROSSANA: No, parlate troppo male.

CRISTIANO: Di grazia! Al nostro amore risulterà fatale.

ROSSANA: No, non mi amate più.

CRISTIANO: Sono accuse da farsi, proprio allorquando vi amo il doppio?

ROSSANA: La catarsi…

CRISTIANO: L'amor cresce, cullato nell'anima mia balzana, che il perfido marmocchio prese per…

CIRANO: …prese per una zana…

CRISTIANO: … per una zana.

ROSSANA: Migliora. Poiché perfido fu, non vi era nulla prenderlo, quell'amore, e soffocarlo in culla.

CRISTIANO: L'avevo anche tentato, ma è inutile premura, ché il pargolo, madame, è Ercole in miniatura.

ROSSANA: Migliora…

CRISTIANO: Fu lui che strangolò come niente le due serpi: orgoglio e… e… dubbio.

ROSSANA: Eccellente. Però perché parlate lento in questa maniera, così esitante, dite?

CIRANO: I veli della sera…

CRISTIANO: Che?

CIRANO: … per scostarli, del vostro orecchio alla scoperta.

ROSSANA: Ma quello che io dico trova la strada aperta.

CIRANO: Arriva tutto e subito? Ah, forse c'è una spia: è il mio cuore, che batte e indica la via. E il vostro orecchio è in secca, e io ho il cuore che tracima. Poi le vostre parole scendono, fanno prima. Le mie, salendo, tardano ad arrivare in alto.

ROSSANA: Ma da qualche momento mi prendono d'assalto.

CIRANO: Dopo un po' di ginnastica hanno fatto l'abitudine.

ROSSANA: Io vi parlo in effetti proprio da un'altitudine.

CIRANO: Certo, e mi uccidereste se, da codesta altezza, voi mi colpiste al cuore lanciandomi un'asprezza.

ROSSANA: Vengo giù.

CIRANO: No!

ROSSANA: Salite allora voi, qui, presto!

CIRANO: No!

ROSSANA: Perché no?

CIRANO: Lasciatemi coglier questo pretesto dell'occasione che qui ci offre il potersi parlare sì dolcemente, così.

ROSSANA: Senza vedersi?

CIRANO: Ma sì, è incantevole, ci indoviniamo appena. Voi sentite un mantello che del nero si svena, io intravedo un biancore di veste che vapòra. Io non sono che un'ombra, voi l'eco di un'aurora. E immagino di non avervi mai parlato avanti…

ROSSANA: È vero, i vostri toni erano meno stimolanti.

CIRANO: Sì, perché nel buio che mi va proteggendo io oso essere me stesso e oso… Stavo dicendo? Ah, non so, è così tutto… scusate l'emozione… così delizioso, così nuova occasione.

ROSSANA: Così nuova?

CIRANO: Sì, d'essere sincero. La paura di essere dileggiato contro di me congiura.

ROSSANA: Dileggiato?

CIRANO: Ma… per uno slancio. Sì, il mio cuore del mio spirito sempre si veste per pudore. Ah, lo spirito è inutile in amore! È da canaglia prolungare in amore l'inutile battaglia. Il momento poi viene, senza un ripensamento, e rimpiango coloro a cui non tocca un tal momento, quando sentiamo in noi che un amore nobile esiste e che anche un lieve cenno lo può rendere triste.

ROSSANA: Sì, il momento è questo e ci offre ora il suo frutto. Che cosa mi direte?

CIRANO: Ma tutto, tutto, tutto, così come sarà darò ciuffo per ciuffo senza farvene un fascio. Vi amo, e mi ci tuffo, t'amo! Son pazzo, non ne posso più, è troppo! Ed il tuo nome in gola è un nodo, un cappio, un groppo. Di te io mi ricordo ogni fatto, tutto ho amato. Io so che un giorno, il dodici maggio l'anno passato, cambiasti, per uscire al mattin, pettinatura. Fu come un nuovo sole, la tua capigliatura. Ti è chiaro allora adesso? Infin lo vuoi capire? Senti l'anima mia nell'oscurità salire? Oh, è vero che stasera c'è un sogno intorno a noi. Io che vi dico questo, voi mi ascoltate, voi. Be', è troppo. Nella speranza più modesta mai ho sperato tanto. Per questo non mi resta null'altro che morire. È per i miei sussurri ch'ella trema furtiva lassù, tra i rami azzurri? Scende il tremor bramato dalla tua mano insino all'ultimo dei fili di questo gelsomino.

ROSSANA: Sì, io tremo, e io piango, e cedo alla tua corte, tu mi hai inebriata.

CIRANO: Allor venga la morte… Quell'ebbrezza, è la mia, che ha espugnato la rocca. Io non domando altro che chiedervi…

CRISTIANO: … la bocca!

ROSSANA: Eh? Cosa? Voi chiedete…?

CIRANO: Sì, io… vai troppo in fretta!

CRISTIANO: Visto che è tanto scossa, e diamoci una stretta!

CIRANO: Sì, io ho chiesto, è vero… ma santo cielo!… però quello che dico non è sempre vengelo. Il bacio… no!… fa niente, la richiesta è precoce.

CRISTIANO: Perché?

CIRANO: Crepa, Cristiano!

ROSSANA: Che dite a bassa voce?

CIRANO: Sono andato lontano, e non ho un'attenuante. Io mi dicevo: "Taci Cristiano, un istante!"

CRISTIANO: Ottienimi quel bacio!

CIRANO: Aspetta!

ROSSANA: Sono sola?

CIRANO: Parlavamo di un bacio…

ROSSANA: No…

CIRANO: Sì, è dolce la parola.

ROSSANA: Tacete.

CIRANO: Un bacio… ma cos'è, così d'un tratto? Un giuramento reso tra sé e sé, un patto più stretto... È come un traguardo che insieme è un avvio, un punto rosa acceso sulla "i" di "amore mio", un bisbiglìo alle labbra perché l'orecchio intenda, il brivido del miele di un'ape che sfaccenda, una comunione presa al petalo di un fiore, un modo lungo e lieve di respirarsi il cuore e di gustarsi in bocca l'anima poco a poco.

ROSSANA: Tacetevi, vi prego.

CIRANO: Sì, taccio o vado a fuoco! Sali!

CRISTIANO: Però adesso mi sembra che sia male…

ROSSANA: Ci siete sempre?

CIRANO: E monta, gran pezzo d'animale! (Rossana e Cristiano escono)

Fonte:http://digilander.libero.it/digitalgreg/cirano.htm
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 30
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum