Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Draco Magnus

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Draco Magnus

Messaggio Da matrona il Gio Apr 15, 2010 6:36 pm


Nei testi biblici sono evocati molti draghi che simboleggiano il Male, ma solo il Draco Magnus è l'incarnazione di Satana stesso.
Nell'iconografia tradizionale dell'Apocalisse di san Giovanni, il Draco Magnus è raffigurato come: <<un enorme drago rosso, con 7 teste con 7 diademi e dieci corna; la sua coda trascinava giù un 1\3 delle stelle del cielo e le precipitava in terra>> (Apocalisse 12. 3-4)
Il racconto continua con il drago che si pone davanti a una donna in procinto di partorire, pronto a divorare il nascituro.
Però questo non è il volere di Dio, che fece scendere le sue schiere contro il drago e per salvare il bambino, mentre la madre scappa nel deserto dove Dio gli ha procurato un rifugio.
Lo scontro si conclude con la vittoria del generale supremo delle milizie celesti, l'arcangelo Michele su Draco Magnus,costretto così a precipitare di nuovo nelle profondità della Terra (Apocalisse 12 7-9)


L'origine di Mont-Saint-Michel
Il monte Saint-Michel, in bassa Normandia, deve il proprio nome allo scontro tra s.Michael e il Draco Magnus.
Secondo la leggenda, il vescovo Umberto d'Avranches, fu visitato in sogno dall'arcangelo, che gli ordinò di erigere un'altare sul terreno della sua vittoria contro il Male.
Il vescovo però, pensò di aver perso il senno ed ignorò la richiesta.
San Michele provò a contattare di nuovo il vescovo una seconda volta, ma senza successo.
Adirato allora, l'arcangelo, decise di lasciare un segno indelebile nel vescovo, un foro in testa.
Il vescovo al mattino fece partire subito i lavori di costruzione di un'oratorio, intorno alla quale è nata la cittadina.
Ancora oggi, nella basilica di Avranches è possibile vedere il cranio del vescovo con un minuscolo foro
avatar
matrona
Collaboratore

Numero di messaggi : 604
Data d'iscrizione : 12.07.09
Età : 31
Località : Menzoberranzan, Forgotten Realms

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum