Zona Onirica

Namastè nella Zona Onirica

Un Luogo nascosto nei meandri della nostra coscienza...
ai confini del mondo tangibile...
dove i pensieri e le passioni sono più concreti della realtà che ci circonda.



Un Movimento Culturale & Sociale, un luogo, un modo di essere... di pensare.
Apolitico, Aconfessionale, non ha scopi di lucro neanche indiretti.
Esso focalizza l’attenzione su tre determinati obiettivi e si mobilita per conseguirli:

GURDARE...

OLTRE LA CONOSCENZA E LO SPIRITO

OLTRE LA VERITA' E LA SOLITUDINE

OLTRE LE EMOZIONI E I SOGNI


Decidi se farvi parte...

Viaggio nell'Amenti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Viaggio nell'Amenti

Messaggio Da Violet il Mer Dic 01, 2010 6:52 pm

Null'altro che una tenebra silente avvolgeva lo sguardo suo, immobile e serrato nella cripta senza luce, senza suono, senza respiro umano. Massicce mura di pietra senza finestre né aria circondavano il sarcofago mentre attraversava l'Amenti, il regno dei morti dove solo la barca dei milioni di anni osava addentrarsi, guidata da Ra e dagli Akhu, i Glorificati rigenerati nella luce dell'intelletto.
Cosa fosse quella luce, nella prima grande prova, egli non comprendeva.
Attendeva.

Attendeva da innumerevoli secoli, ma l’ignorava. La sua anima era stata toccata dal gelido inverno, e raggomitolata in se stessa aveva dormito un sonno di morte, il sonno del seme nella terra arata. Racchiuso nel suo bozzolo, una lunga gestazione aveva tolto ai suoi occhi la luce del giorno, come un viaggio nelle caverne situate nelle profondità della terra. Ma d’un tratto il risveglio si fece strada, indefinito come l’istante in cui il dormiveglia segue il sonno profondo e lascia il passo alla realtà.
Un lungo viaggio nella sostanza balenò davanti al suo intimo sguardo: milioni di anni, migliaia di vite. Non altro che una visione indistinta, immateriale, indecifrabile era il senso d'antico che ripiegava le ali sconfinate sul corpo, per la prima volta svelando la sua misteriosa immensità... tremando, i sensi accolsero il cerchio del tempo, l'età dell'uomo che visse da sempre.

Nessun lamento levò l'anima sfibrata da migliaia di nascite, di prime parole, di nuovi corpi: nessun sentimento è stato inventato dagli uomini per descrivere la rimembranza atavica, l'amaro veleno. Egli bevve senza capire il turbine informe, le età dell'anima, l'eterno ritorno nella carne. Le sfere del dubbio, del dolore e del terrore s'erano schiuse ai suoi occhi nella notte eterna e ora solo una muta essenza, rischiarata dal suo stesso moto, come un fiume oscuro avvolgeva l'anima e il corpo.
La pace e l’abbandono finalmente venivano, come onde su un mare oscuro, a lavare il patimento di esistenze impregnate dal vapore denso della materia. Le correnti impetuose infine scorgevano sponde serene, la barca dei milioni di anni vide la luce oltre le caverne. Egli bevve la pace e trovò muto ristoro nella marea del tempo. Ma nella notte scura nessuna voce lo consolava, nessun dio vide avvicinarsi alla sua simbolica tomba per accoglierlo nella luce radiosa, per dargli l'ambrosia che avrebbe guarito la ferita di epoche incessanti scivolate sulla sua pelle.

Solo, egli comprese che il senso del risveglio era dare uno scopo all'uomo, non trovare il volere di Dio. In quella tomba, nessuna visione celestiale appariva, nessuna presenza fremeva, nessun essere onnipotente ed estraneo a lui l'avrebbe trasmutato da uomo a Iniziato. Ed egli seppe che quel compito non spettava a un idolo, ma a lui stesso: a quel lampo d'intuizione ecco Lucifero, la Stella del Mattino, apparire splendente nella luce della sua mente. La virtù di colui che volle esser simile alla Prima Virtù era maledetta dagli uomini dall'inizio dei tempi: essi lo relegarono all'inferno, e Prometeo lo incatenarono per l'eternità. Ma in quell'istante a lui parve il salvatore della sua immensa solitudine, glorioso nello splendore purissimo di un coraggio sovraumano, la bellezza sfolgorante della perfezione rapita ai cieli da Colui che aveva osato, la più lucente Stella del firmamento condannata dagli uomini, ma non dagli immortali.
Come un bagliore nella notte risuonava l’Alleanza dell’uomo con il suo Nume, il perfetto Amore, l’antico Patto.
Perché l’uomo libera il suo dio ed egli rende immortale l’uomo, e nel loro matrimonio essi diventano un Creatore.

Ed ecco, a quel pensiero gli occhi pesanti del sonno di mille vite si aprirono ancora una volta sul mondo. Non più materia inerte, non più la pesantezza dell’illusione. Uscì dal regno notturno, intriso di immagini di se stesso, senza più la tristezza di essersi svegliato ancora una volta sulla terra fisica, con una nostalgia pesante del mondo delle Cause, chiuso per sempre ai suoi occhi. No, il risveglio non era più questo, non era più il pianto della nascita che per tante esistenze l’aveva accompagnato. La quiete che gli era parso di bere s’era espansa, senza che quasi lui se ne avvedesse, e il suo lento distillare aveva dato vita a una nuova visione: la materia vibrava; il mondo era vivo. Ea aveva soffiato sull’argilla inerte e l’uomo aveva preso vita.

Si svegliò inspirando la luce del mondo e la sentì nutrire l’aria che avvolgeva il suo corpo, l’aria che era dentro il suo corpo, e si sentì parte di questo mondo, così pesante se non si è leggeri, così buio se una luce non lo illumina. Nel respiro di Ea, che entrava in lui in eterno ciclo amoroso, aprì gli occhi nel suo sarcofago l’aspirante della Luce. Intorno a lui, i Sacerdoti incappucciati scoprirono il volto, e quel giorno iniziò il suo Cammino.

Viola
avatar
Violet
Admin

Numero di messaggi : 36
Data d'iscrizione : 11.07.09

Vedi il profilo dell'utente http://zonaonirica.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum